03 agosto, 2010

Esprit de finesse

Absit iniuria verbis

Da Fini alla fine...

Com'era prevedibile, sta per sorgere il fulgido astro di Fini, l'incorruttibile, il Robespierre dell'Italia post-industriale. E' facile preconizzare una grande ammucchiata con immondi connubi tra l'integerrimo Fini, i tromboni del Partito "democratico", gli ondivaghi dell'U.D.C. e spezzatini vari. L'agonizzante Belzebusconi non si rassegnerà tanto facilmente a rinunciare al suo lurido dominio. Il potere non corrompe: il potere è corruzione.

Alle prossime elezioni, saranno presentate le liste del "Movimento cinque stalle", la formazione "politica" fondata dal Grillo che abbindola i grulli. Nel simbolo del partito campeggia una V rossa e diabolica: che singolare coincidenza! E' uno scenario davvero esaltante, in virtù anche di Di Pietro, un altro tribuno della plebaglia, pronto a raccattare una manciata di voti tra i delusi e gli sprovveduti.

Fini ha, nel suo cognome, la sopraffina scaltrezza di un demonio e l'evocazione della fine. Non occorrono analisi: è tutto mortalmente disgustoso. Gli sviluppi della situazione economica, sociale ed istituzionale sono stati programmati con trascurata precisione, con meticolosa negligenza.

Quando uno solo di questi tagliagole si adopererà davvero per por fine immediatamente alle missioni "umanitarie", alle operazioni illegali volte alla contaminazione della biosfera, alla costruzione di centrali nucleari e di inceneritori, all'introduzione di organismi geneticamente modificati, all'euro, ai plutocrati internazionali, alla corruzione endemica in tutte le istituzioni..., allora si potrà prendere in esame l'idea non certo di votarlo, ma di non espellerlo su Plutone.

Intanto gli Italiani sono pronti per essere ancora una volta cucinati da questi raffinati cuochi: è fatale che Fini, dopo aver intortato gli elettori, li trasformi in altrettanti tortellini.

Dall'ammucchiata all'abbuffata... per loro.



APOCALISSI ALIENE: il libro

26 commenti:

  1. Tu non sai quanto sia vero quello che hai scritto....ahimè siamo in pochi ad avre capito un mecanismo distruttivo cosi banale che porterà inevitabilmente a credere che esistano dei paladini della democrazia chiamati Di Pietro, Travaglio, Grillo, Totti ec..... L'gnoranza la fa da padrona e non perdona...

    Ciao amico, un abbraccio.

    RispondiElimina
  2. Ciao Alain, non disperiamo, però, abbiamo Borghezio che sta chiedendo si attui un disclosure sugli U.F.O., sostenuto dal mentore Teo. Che coppia fantastica!

    Bravo! Hai citato Travaglio, il bavaglio dell'informazione, un altro disinformatore mascherato. E' grave che gli Italiani si lascino imbrogliare da Silvio e da Gianfranco, ma è imperdonabile che si lascino circuire dal cicisbeo riccioluto e da COSE simili.

    Ciao e grazie.

    RispondiElimina
  3. Ottimo Zret,
    bell'articolo, Hai fatto bene a postarlo anche su CDC, dove ci sono ancora dei poveri illusi della politica.

    wlady

    RispondiElimina
  4. La realtà è disastrosa; l'articolo è spettacolare.

    ...che a molti di loro vada tutto di traverso e si strozzi!

    Ciao :-)

    RispondiElimina
  5. Caro Zret, ognuno di noi deve fare i conti col quotidiano, con un'economia delle piccole cose: tasse, interessi bancari, salario ecc. Lavorando presso un'organizzazione internazionale umanitaria ed essendo pure socio di uno studio di consulenza economico-finanziaria, mi rendo perfettamente conto dell'influenza devastante del sistema mondialista sui popoli e sulle anime della gente. La situazione italiana, se possibile, è più tragica e, se mi consenti, pure comica, rispetto alla situazione internazionale. I problemi sociali ed economici ci schiacciano, e la classe politica locale e nazionale continua imperterrita nel gioco di posizione, tra comitati d'affari, collusioni mafiose e bizantinismi istituzionali di copertura. Uno come il presidente Fini, rappresenta il furbetto navigatore a vista, dell'italietta politicante: fascista, neofascista, liberista-conservatore, progressista e terzomondista. Più in generale, la struttura stessa della repubblica (anziché sulla libertà, il primo articolo costituzionale stabilisce che l'Italia si fonda sul lavoro: sovietismo) prevede la perpetuazione dell'andazzo elezioni blindate/governi incapaci di governare. E noi a votare chi ci prende per i fondelli, e lo sappiamo pure. All'Italia manca memoria e dignità, e non sarà certo un regime qualsiasi, democratico o dittatoriale, a salvarci più. Il Mondialismo gioca anche su tali croniche situazioni dei singoli stati, tanto le Banche e le corporations sono i veri facitori di destino, in un mondo alla deriva. La fine dei tempi è prossima, non perché prevista, ma perché l'abbiamo accelerata col disfacimento delle anime. Infiltrazioni oscure hanno trovato varchi psichici sin troppo facili. Di fronte a scenari apocalittici e palingenetici, possibili invasioni aliene e collisioni dimensionali, da noi, nell'italietta, si discetta sulle percentuali dei finiani contro il pdl. È più operetta che dramma.
    Angelo Ciccarella

    RispondiElimina
  6. Wlady, occorre che si perda totalmente fiducia nei partiti e nei loro esponenti. Questo è il passo che moltissimi non hanno ancora compiuto.

    Grazie, Ginger.

    Angelo, hai ritratto in modo perfetto questi tempi di ferro e la situazione tragicomica del "Bel paese".

    Vedo in Fini il docile esecutore di piani mondialisti decisi altrove.

    I "politici" assomigliano ad orchestrali che suonano in playback.

    Ciao e grazie.

    RispondiElimina
  7. ... é il circo.

    Un $i$tema di bugiardi che si sbugiardano l'uno con l'altro, marionette.

    Girano girano così velocemente e ingarbugliano tutto con i loro fili che si intrecciano l'uno con l'altro, formano una gabbia e loro stessi rimangono ad essi stessi impigliati.

    Purtroppo le loro mani arrivano ovunque e oggi non vi è rimasto alcuno spazio libero.

    Anche armati di forbici siamo e saremo troppo pochi per tagliare questa rete di soffocamento.

    Io non voto, io non legittimo più nessun potere di pochi su molti.

    RispondiElimina
  8. articolo stupendo nella sua semplicità,e concreta espressione di una realtà che pochi vedono,italiani popolo di codardi leccaculo e imbecilli,non sarà mai in grado di vedere la realtà tetra e nefasta in cui è intrappolata, vivendo in una illusione luciferina da troppo tempo,da oltre 20 anni un nano da circo li prende per il culo e loro per 3 volte a votarlo,per non parlare di una opposizione che non esiste nei fatti,non nelle chiacchere dei pseudo idioti intellettualoidi che parlano a rotazione nei vari show della tv ipnosi.
    E' chiaro anche al più imbecille tra gli idioti che fini sta giocando un ruolo per diventare il nuovo servo dell'elite satanista,e ancora loro giu a votare,e ne sono certo quello che hanno fatto questi uomini inferiori di governo sarebbe costata la testa anche al più potente imperatore,che dire di questo popolo se non che meritano quello che arrivera.ma voglio lanciare un'ipotesi,il porco ha accumulato troppo potere,e anche per questo i burattinai vogliono farlo fuori,ma lui non cederà perchè sa che se cadra,cadra insieme a lui tutto il suo impero di corruzione,quindi qui siamo a un punto in cui non può cedere,ma daltra parte la stretta si fa sempre più forte,l'alite sa che se si tira troppo la corda in questo momento delicato potrebbe venire fuori una rivoluzione(le pecore per fame e sopravvivenza cominciano a saltare fuori dal recinto),e magari nella frenesia si fa piazza pulita,di destra centro e sinistra,e forse il porco alle strette tirerebbe fuori la verità per salvarsi il culo,immaginate il vomito che uscirebbe,da risvegliare anche i più idioti,e magari andrebbe al governo qualche giusto(se ancora esiste)staremo a vedere,ma penso che quando cadra il porco cadra tutto il porcaio

    white wolf

    RispondiElimina
  9. Sì, Iniziato, delegittimare ed esautorare la cricca di satanisti al potere è "imperativo categorico", alla Kant.

    White Wolf, mi sono imposto di scrivere un articolo breve, perché dedicare troppo tempo e troppe parole a questa masnada è un delitto. Le energie vanno profuse per altri scopi.

    Come sarebbe bello leggere la tua puntigliosa ed appuntita analisi su un quotidiano a tiratura nazionale!

    Anche se so di essere fuori dal coro, ritengo quel satanista di s. il male minore rispetto all'"illibato" Gianfranco, sostenuto e telecomandato da centri di potere molto forti e pericolosi.

    Che sfacelo: è bastato che gli italioti sentissero l'espressione "questione morale" per abboccare all'amo. Ora sono pronti per finire tra le braccia roventi di Moloch.

    Bisogna riconoscere che colui ha cervello fino ed ha tramato con straordinaria pazienza la sua tela mortale e vischiosa.

    Ciao e grazie.

    RispondiElimina
  10. speriamo che belzebusca nel tentativo di restare sul trono gli rompa le uova nel paniere

    in fondo la sortita di mistero sulle scie tossiche forse era un segnale che speriamo si ripeta

    RispondiElimina
  11. ovviamente da leggere (anche se bisogna vedere quale sia il piano interpretativo) la lettera aperta di un massone a berlusconi

    RispondiElimina
  12. Fini si crede furbo, ma sta solo giocando le carte che gli hanno predisposto i burattinai. Quindi, a tempo debito, farà anche lui la fine di Berlusconi. Intanto gli italiani si faranno prendere per i fondelli ancora una volta. L'ennesima.

    RispondiElimina
  13. Ciao Corrado, è una lotta di potere tra... impotenti". Altri decidono per loro: le convulsioni di Silvio precedono la sua fine. Ha uno strumento, ma non credo che lo userà.

    Ha ragione Straker: anche Fini sarà usato e gettato. senza tanti complimenti, dopo che avrà adempiuto il suo compito.

    Ciao e grazie.

    RispondiElimina
  14. Un saluto a te, Zret, e a tutti. Concordo con gli ultimi interventi; volevo appunto dire come Fini, ben lungi dall'essere una stella rifulgente, potrebbe essere invece un astro già "spento" in partenza... una "nana bruna", insomma - colore peraltro in tinta con il suo passato... - poco piú d'una carcassa da gettare come intralcio tra i piedi del tenace Berlusconi - evidentemente molto piú tenace di quanto i burattinai si aspettassero. Del resto, Fini non ha "le physique du rôle" per assurgere stabilmente a un rango superiore. E poi, stabilmente... il tempo è poco, e stringe. Forse Fini sarà ricordato - ammesso che qualcuno si prenderà la briga di ricordarlo - solo come una breve parentesi insignificante a suggello del catastrofico regno berlusconiano.

    Inoltre, a proposito di astri, molto s'è detto a proposito dei pesanti aspetti che incombono su Berlusconi e cenno se ne fa di alcuni anche nella lettera "massonica" citata da Corrado. Ma credo si debba considerare anche - almeno per quanto concerne Saturno, in procinto di congiungere Sole e Ascendente di Berlusconi - che il pianeta degli anelli è, secondo la Tradizione, esaltato in Bilancia. Quindi due aspetti che per chiunque altro sarebbero indubbiamente molto provanti, in questo caso potrebbero anzi stimolare una strenua resistenza a qualsiasi attacco esterno, e rafforzarne la determinazione (non che ne abbia bisogno...). Questo per dire che probabilmente assisteremo a un lungo assedio, e che sbarazzarsene non sarà facile per nessuno. Men che meno per Fini...to ancor prima di iniziare...

    Quanto allo stesso Fini, potrebbe rimanere accecato dalla sua stessa ambizione, evidentemente a lungo covata, e solo ora in vista di uno sbocco concreto. Sembra già sentire il lento approssimarsi di Plutone al suo Sole, che pare avergli dato quell'audacia che gli era sempre mancata in passato. Ma l'opposizione di Nettuno al suo Ascendente Leone potrebbe appunto fargli commettere qualche errore di valutazione per un eccesso di ambizione e sicurezza. Plutone che del resto è in aspetto dissonante proprio col Sole di Berlusconi, ed è questo secondo me l'aspetto piú pericoloso per lui, che del resto accoglie nel novero della sua simbologia anche attacchi mossi nell'ombra, complotti e cospirazioni. Staremo a vedere, ben consapevoli che chiunque ne uscirà vincitore sarà solo una figurina con meno autorità di quelle dell'album Panini...

    Volevo approfittare per chiedere a Corrado come mai non è possibile commentare il suo blog Scienzamarcia; tante volte avrei voluto commentare i suoi preziosi post anche per chiedere alcune cose. Complimenti comunque per l'eccellente informazione che fa.

    Un saluto a tutti.

    RispondiElimina
  15. Lupo nella notte, questo approfondimento astrologico è veramente prezioso e preciso. Davvero Fini con i suoi scherani, si accinge ad assediare la roccaforte di Silvietto, ma è necessario che egli si impadronisca del Palladio e gli serve qualcuno audace come Odisseo e Diomede per appropriarsi della magica statua.

    Sì, Gianstanco è molto ambizioso e tenace, ma il suo regno sarà un'ombra fuggevole.

    Ciao e grazie.

    P.s. Mi unisco alla tua domanda circa l'impossibilità di commentare sul blog di Corrado.

    RispondiElimina
  16. Esiste una volontà segreta di mantenere instabile politicamente e malfermo da un punto di vista economico il nostro Paese.
    Altrimenti non si spiegherebbe il susseguirsi a ritmo ubriacante di governi buoni a nulla a partire dal 1946 in poi.

    Verrebbe anche la tentazione di credere che l'Italia sia sotto l'influsso di un maleficio il quale si protrarrebbe dai tempi dell'imperatore Costantino fino ai nostri giorni.
    Una volta esauritasi la gloria dell'Impero Romano la nostra Nazione non ha mai più ritrovato unità, pace e stabilità: secondo me la cosa non può non dare da pensare anche e soprattutto in termini dietrologici.

    Queste osservazioni generalissime a parte, ora parrebbe entrare in scena un politico di professione - e cioè uno che ha fatto sempre il signore evitando di lavorare anche un sol giorno della sua vita - e cioè Gianfranco Fini.
    Elemento - mi pare di ricordare - legato all'obbedienza di Palazzo Giustiniani e da codesta diretto nei suoi movimenti.

    Ambiziosissimo, pieno di fiducia in sè stesso, arrogante quanto basta, maniaco cultore dei formalismi e degli imbrogli giuridico-costituzionali, Fini appare come elemento adattisimo per portare avanti la melina politico-istituzionale tipica del nostro Paese. In pratica per fare molte chiacchere e non concludere nulla.

    Forse l'obiettivo finale di tanti ghirigori è l'ulteriore destabilizzazione dell'Italia che potrebbe sfociare anche a breve in una vera e propria situazione di caos rivoluzionario, preludio al superdittatura del Nuovo Ordine Mondiale.

    'Time will tell', direbbero gli anglosassoni ma, viste le premesse, il prossimo futuro non sembra riserbarci nulla di buono.

    RispondiElimina
  17. Paolo, sebbene all'estero non si rida, l'Italia piange. Sarà dovuta questa triste situazione anche alla presenza della Chiesa di Roma? Molti ministri di questo esecrando esecutivo sono affiliati all'Opus "Dei", come lo stesso responsabile della protezione incivile. Ciò ha il suo influsso.

    La tua analisi è molto lucida ed aggiunge un'altra tessera a questo abominevole mosaico italiota.

    Ciao e grazie.

    RispondiElimina
  18. ...Quando uno solo di questi tagliagole si adopererà davvero per por fine immediatamente alle missioni "umanitarie", alle operazioni illegali volte alla contaminazione della biosfera, alla costruzione di centrali nucleari e di inceneritori, all'introduzione di organismi geneticamente modificati, all'euro, ai plutocrati internazionali, alla corruzione endemica in tutte le istituzioni..., allora si potrà prendere in esame l'idea non certo di votarlo, ma di non espellerlo su Plutone...

    Non farai in tempo a prendere in esame l'idea di votare nessuno caro Zret. Se esistesse qualcuno in tutto l'arco parlamentare, determinato ad eseguire quanto sopra, si troverebbe in men che non si dica con un'accusa di pedofilia oppure, che ne so, di spaccio o traffico di stupefacenti o evasione fiscale etc..., se gli va bene... altrimenti può capitargli un "incidente stradale" o magari potrebbe suicidarsi all'improvviso...

    Si potrebbe dire che non hai fatto in tempo a votare per Bettino Craxi o, fossi stato Austriaco, per Jörg Haider, o qualcun altro che a conti fatti ha abbandonato la scena politica optando per la propria dignità... pur di non ritrovarsi al pari dei cosiddetti "metereologi" che leggono solo gli scartafacci che gli vengono imposti.

    16 anni di graticola giudiziaria per il Berlusca e un anno di siccità (2003) vogliono dire che chi si azzarda a scarrellare dai programmi di mortificazione della popolazione imposti dall'"elite" mondiale... rischia...
    Nel 94 presentò un programma di governo eccezionale, ma... ha dovuto adeguarsi purtroppo. E il risultato é che oggi parla di combattere l'evasione fiscale (gradita al sistema e alla sinistra per vessare, mortificare ed impoverire la popolazione) mentre allora si parlava di una potente riforma fiscale che tutto il mondo produttivo aspettava, come la pioggia un terreno arido. Ha dovuto cedere! Altro che amicizia con Obama.

    Fini prese battesimo a Gerusalemme, indossando la scoppoletta.
    Quello fu l'atto con cui si pose definitivamente ginocchioni ai poteri forti. Il tradimento del suo popolo.

    RispondiElimina
  19. Bravissimo Faraday75. Concordo pienamente.

    RispondiElimina
  20. Purtroppo i politici onesti sono pochissimi e sono quelli morti immaturamente. Sembra che non esista via d'uscita: "O far torto o patirlo".

    Eppure, prima di essere defenestrato, Silvio, a rete unificate potrebbe... Gli ho dato un'idea? L'importante è esautorare in toto le istituzioni, rifiutare lo "stato, il più gelido dei mostri" (F. Nietzsche)

    Ciao e grazie del pregnante contributo.

    RispondiElimina
  21. Caro Zret, per quanto riguarda l'Astrologia, ti dirò che verso di essa, in un tempo non lontano, nutrivo assai piú passione; ora la considero niente di piú che la "scienza della Maya", vale a dire una disciplina utile, sí, ma solo per comprendere le dinamiche energetiche della realtà fittizia in cui siamo immersi, e regolarsi - per quanto possibile - di conseguenza, non certo per sottrarsi ad esse. Come a dire che si ha in mano la mappa della prigione in cui si è rinchiusi, ma senza l'indicazione di dove sono nascoste le chiavi del portone... e naturalmente quelle chiavi sono dentro di noi. Anche l'Astrologia ha subíto la stessa sorte di ogni umana scienza: è stata esteriorizzata, concentrandosi sul macrocosmo di fuori anziché sul microcosmo interiore.

    A proposito, hai mai pensato a un post su questa disciplina? Sono certo che sapresti renderlo qualcosa di estremamente interessante esplorandone angolazioni inusitate, come ti riesce con qualunque argomento.

    In...Fini, forse ci voleva uno scialbo comprimario opportunista come lui per rendere l'autocrate arcoriano un personaggio politicamente rilevante. Non c'è davvero limite al peggio, sul finir di questo Kali Yuga...

    A presto

    RispondiElimina
  22. Volevo aggiungere (mi é sfuggito mentre scrivevo) che sinistra e sindacati si piegarono ai "poteri forti" già alla morte di Berlinguer e Craxi non solo rimase isolato con il suo progetto di indipendenza, ma si é ritrovato nella condizione di Giulio cesare: anche tu Bruto, figlio mio!

    RispondiElimina
  23. i commenti sono chiusi da quando mi sono ritrovato con due figli piccoli

    il tempo è avaro e ci sono tante cose da fare

    chi vuole scrivermi e chiedermi qualcosa puo' usare la mail in evidenza a destra del blog sotto "contatti"

    RispondiElimina
  24. Lupo nella notte, non credo che scriverò un testo di contenuto astrologico, poiché le mie conoscenze circa l'Astrologia sono molto epidermiche. Se mi sarà... dettato un articolo, allora potrò pubblicarlo, ma solo in quel caso.

    Non so fino a che punto condividere l'antico detto: "Gli astri inclinano, ma non determinano." Credo che gli aspetti astrologici traccino siano il diagramma celeste di un mondo interiore, ma Paolo è molto più versato di me in questa disciplina e, se leggerà i commenti, ci esporrà la sua competente opinione.

    Faraday, non so fino a che punto una figura come Craxi perseguisse l'interesse della collettività. Come dimenticare la sua megalomania, i congressi tronfi pieni di simboli massonici, la spregiudicatezza...? Forse aspirava a crearsi un suo dominio, sganciato dal controllo statunitense, ma fu un uomo politico disinteressato o finì nell'ingranaggio del sistema, pur volendo forse riformarlo? Il sistema può essere riformato? Domanda retorica.

    Ciao e grazie.

    RispondiElimina
  25. Segnalo il pertinente articolo sull'odierna situazione economica, politica e sociale. Il testo è stato scritto dall'amico Bojs.

    http://intermatrix.blogspot.com/2010/08/propaganda-7-va-tutto-bene.html?utm_source=feedburner&utm_medium=feed&utm_campaign=Feed%3A+blogspot%2FqLJR+%28INTERMATRIX%29

    RispondiElimina

ATTENZIONE! I commenti sono sottoposti a moderazione prima della loro eventuale pubblicazione.

AddThis

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...