31 maggio, 2013

Alien nation

30 maggio 2013, ore 13:00. Va in onda il TG2, la solita propaganda spacciata con infinita improntitudine per notiziario. Nel corso di un servizio sulla Siria, dove facinorosi armati da Sion e dall'Impero di U.S.A.tana perpetrano stragi indicibili, tentando di rovesciare il governo del presidente Assad, il "giornalista" accenna alle iniziative diplomatiche in corso.

Mentre sono inquadrati dei papaveri europei, per qualche istante è anche immortalata una guardia del corpo dalle bislacche sembianze. Il bodyguard, somigliante ad un satellite di Barry Soetoro alias Barack Obama, ha fronte sfuggente, arcate sopraciliari molto pronunciate, naso vestigiale, mento piccolo. Sul capo del terreo personaggio ricadono dei capelli che paiono posticci.

Un ibrido? Un clone? Un mostro partorito in qualche laboratorio militare? Un essere senz'anima, quindi incapace di provare empatia, adatto per i compiti più turpi e spietati? Una specie di androide al servizio dei criminali mondialisti? No, niente di tutto ciò: è solo un tipo un po' bruttino...



APOCALISSI ALIENE: il libro

La squola della Gelmini - di Antonio Marcianò - Gemme scolastiche da collezionare

19 commenti:

  1. Piu' che bruttino sembra quello che Kit Carson, il pard del glorioso Tex, definirebbe "un tizzone d'inferno". Anche su Obama circolano voci inquietanti riguardo a strane cicatrici che gli adornano il capo.
    http://www.dailymail.co.uk/news/article-1373780/Mystery-scars-Obamas-head-begs-question--President-brain-surgery.html

    RispondiElimina
  2. E già... Circolano video in cui si vede quel lestofante di Obama, premio Nobel per la guerra, il cui volto si disgrega: non paiono aberrazioni del segnale, giacché il resto delle immagini è intatto. Si sta affievolendo il sistema di dissimulazione usato da codesti esseri allotri?

    "Essi vivono..."

    RispondiElimina
  3. Oppure inizia il condizionamento mediatico, come per le scie chimiche veniamo condizionati piano piano fino al punto che non ci facciamo più caso, che stiano per venire allo scoperto?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ci ho pensato, Zak. Potrebbe essere. Un po' alla volta cercano di assuefarci all'orrore e forse ad una rivelazione.

      Ciao

      Elimina
  4. Inquietante oltre ogni limite ragionevole. Tentano di avvolgerci in una trama veramente diabolica.

    Ormai il dado è tratto: ce ne faranno vedere sempre di questi mostri...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Temo proprio di sì: mostri fuori e dentro.

      Ciao

      Elimina
  5. E' nn muro di gomma e omertà che induce la massa umana ad una rassegnazione di narcosi perenne.

    I media sono concentrati principalmente sull’agitazione sociale economica mondiale e mantengono uno stretto riserbo riguardo le situazioni ambientali.

    I governi stessi permangono in un silenzio oscuro e sospetto.

    Nel breve termine, i padroni degli schiavi gli Anunnaki non si nasconderanno più dietro la tecnologia invisibile per rimanere dietro le quinte, né si preoccuperanno di fare buona impressione su persone o questioni personali-relazionate.

    A lungo termine, sarà adottata la schiavitù, con gli umani che sopravvivono all'attacco per essere sottoposti ai loro maestri come mai prima.

    Ciao

    RispondiElimina
  6. E'lo scenario raggelante prospettato da Colin Andrews et al. Se non interviene un fattore X, questo sarà il destino dell'umanità?

    Ciao

    RispondiElimina
  7. Il fattore X potrebbe essere la “percezione extrasensoriale” ogni ipotetica percezione che non può essere attribuita ai cinque sensi.

    Pertanto esistono canali di “informazione” estranei, del tutto sconosciuti alla nostra scienza, che possono venire utilizzati da altre forme intelligenti appartenenti a dimensioni relativamente vicine a noi.

    Per quello che riguarda il nostro destino, posso solo immaginare che per ogni piano di esistenza l’individuo ha dei veicoli e, per ogni veicolo o corpo, possiede dei sensi; ma dove i sensi sono sopiti, la coscienza non lavora e non progredisce.

    Oggi ci troviamo in questo limbo, voluto o non voluto, ci sta portando all'estinzione, almeno estinzione fisica della materia corpo.

    Aggiungo qui uno stralcio di un vecchio articolo che ho pubblicato tempo fa:

    " Questo è il motivo per cui l’essere umano non percepisce molto di più di quanto non rientri nel ristretto campo percettivo dei propri sensi fisici.
    Il mondo astrale è sicuramente molto simile a quello fisico, molti “veicoli astrali” ricalcano esattamente quelli fisici."

    "Immaginare ancora oggi delle entità extraterrestri come esseri che vengono semplicemente da un altro pianeta, che sono tecnologicamente più avanti di noi e che hanno attraversato migliaia di anni luce per raggiungerci non può che rendere limitata la percezione dell’uomo."

    "La realtà è che queste entità appartengono sicuramente ad un piano di esistenza differente dal nostro che si trova molto più vicino di quanto si possa immaginare. Un piano fisico di tipologia terrestre, quindi simile al nostro, esiste certamente in tanti altri luoghi tra le svariate galassie, e di mondi simili al nostro ce ne saranno un numero infinito nelle profondità del cosmo."

    Credo altresì, che sia in atto da parte “Loro” un vero e proprio “intervento mirato” qui sul nostro pianeta ma soprattutto essi stanno mostrando grande “interesse” nei confronti della nostra stella.. certamente non conosciamo i loro intenti perché siamo ancora dei primitivi, ma non ci sono dubbi sul loro interesse riguardo al nostro e loro sole.

    Ciao

    RispondiElimina
  8. Come afferma il Presidente russo, mi pare chiaro che "essi" sono tra noi. Giustamente, Wlady, si tratta di piani di esistenza paralleli e che spesso collidono.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Confermo Straker, riguardo al Presidente Russo, cambio solo che "essi" ci sono sempre stati, e adesso da oltre duecentomila anni "noi" siamo tra loro e, forse siamo il "loro" vero problema che, lungi dall'essergli scappato di mano.

      La manipolazione umana è una "loro" prerogativa, aspettiamoci una nuova specie di homo sapiens sapiens, dopo l'estinzione della nostra.

      Ciao

      Elimina
  9. Questi che ci fanno vedere sembrano piuttosto degli schiavi, dei lacchè visto che li usano come cani da guardia. Non si tratterebbe dunque di controllori del tipo Annunanki ma di subalterni in mano all'homo sapiens.

    E allora? Allora, almeno i teoria, ci troveremmo di fronte a dei cloni, a dei prodotti di laboratorio e non ai diabolici signori Annunanki.

    RispondiElimina
  10. Quei tizi con le scie chimiche, ci fanno i gargarismi!

    RispondiElimina

ATTENZIONE! I commenti sono sottoposti a moderazione prima della loro eventuale pubblicazione.

AddThis

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...