21 agosto, 2009

"Superquark" ed il controllo mentale: quali strategie adotta la televisione satanista per manipolare le coscienze

Absit iniuria verbis.


Nulla è più facile che nascondere l'evidenza.


Il 20 agosto scorso è andata in onda una puntata dell'ignobile trasmissione condotta da Pirlangela, "Superquark". All'interno del programma è stato inserito un siparietto sulle scelleratezze del sistema e si è pure accennato alle scie chimiche, cercando di spacciarle per “leggenda metropolitana” (sic).

Il nostro amico System failure, a proposito di questa immonda farsa, ha scritto:
"Il documentario "invertito" ha esibito foto e video di chemtrails, mentre la voce fuori campo ad un certo punto, dopo aver collocato sullo stesso livello morale, cartomanti ed operazioni militari clandestine, si è posta una domanda, con il solito timbro suadente e familiare, su come fosse possibile che ancora "tanti di noi" possano credere in "queste" cose. Poi è stata data la parola a pollidoro con tanto di inquadratura da premio oscar, ed a paolo cattivissimo con un'espressione molto indagatrice..."

video

Questi agenti dell'inganno insistono nella disinformazione più bieca, nella propaganda più volgare pur di convincere i dubbiosi e testimoni preoccupati che le chemtrails non esistono. A quali strumenti ricorrono i falsari della parola e delle immagini con il fine di manipolare i telespettatori?

- Usano in primo luogo la strategia della confusione, ossia mescolano ad arte argomenti futili ed insignificanti a temi scabrosi e seri, ad esempio il “mago” truffatore e l'assassinio di John Fitzgerald Kennedy.

- Ricorrono al principio di "autorità" non autorevole, intervistando illustri ed accreditati bugiardi, quasi sempre esponenti o domestici del famigerato C.I.C.A.P. A causa della loro notorietà, di un carisma mal acquisito ma solido, come per miracolo, le colossali menzogne di questi spudorati ciarlatani diventano verità rivelate.

- Adottano l'insinuazione: ancora più della negazione plateale, la suggestione sortisce i suoi effetti. Coloro che investigano i complotti orditi dagli stati sono dei creduloni, dei visionari, dei paranoici. Si noti l’accorta climax che si snoda dal paternalismo ("poverini, sono un po' ingenui"), sino alla pseudo-diagnosi di paranoia.

- Eludono i fatti, i dati e le osservazioni, per trasporre i contenuti informativi sul piano della "fede": "credere" o "non credere" agli U.F.O. Questa tattica è stata adoperata, però, anche da Mazzucco… un motivo di riflessione.

- Ignorano i fatti, i dati, le osservazioni per trasferire il discorso sul piano personale: si scivola così in un'"analisi" pseudo-sociologica alla Umberto Eco, tutta focalizzata sui ricercatori descritti come persone non competenti e strambe. Quali sarebbero le competenze di Paolo Cattivissimo, esperto nel macinare le cose, e di Massimo Pollidoro, indecente docente di Psicologia dell'insolito (sic)?

- Si basano sulla tautologia scientista: la "scienza" dimostra che le scie che deturpano il cielo sono solo scie di condensazione, perché lo sostengono gli "scienziati". Gli "scienziati" lo affermano, poiché sono depositari delle verità “scientifiche”.

- Impiegano strategie sensoriali ad hoc: accostamenti tra immagini di scie chimiche e volti ambigui, tra sequenze di particolare impatto e voci carezzevoli.

- Si fondano sulla tattica del "cavallo di Troia": dapprincipio sono prodotti e trasmessi programmi innocui con documentari sugli animali, sugli ambienti naturali, poi, in modo graduale, si introducono brevi e capziosi accenni agli organismi geneticamente modificati, alla predazione degli organi, alle nanotecnologie etc. Infine si dedicano servizi alle "leggende urbane", cercando di sottolineare il contrasto tra la "scienza" dei vari "esperti" e l’ignoranza del cittadino medio: ecco allora le cannonate di Cannella, i lanci di Lanciano, le manierate maniere di Mainardi... Tra l'altro il bersaglio di "Superquark" e di formats simili è costituito dagli adolescenti e dai giovani, i più vulnerabili, in quanto fiduciosi nel mezzo televisivo ed animati da sincera curiosità verso argomenti scientifici o presentati come tali.

- Adoperano metodi della programmazione neuro-linguistica.

- Si avvalgono del linguaggio orientato: uso soggettivo, surrettizio e sofistico di termini per mettere in cattiva luce i ricercatori indipendenti.

video

Ci troviamo al cospetto di una propaganda alla Goebbels, imperniata sulla ripetizione ossessiva di pseudo-concetti, sull'uso emotivo delle immagini e della gestualità, sulla penetrazione nel subconscio del messaggio distorto attraverso la sua collocazione nella parte finale del servizio, sulla diffamazione ed irrisione degli oppositori, sulla malcelata istigazione ad isolare i dissidenti.

E’ una vera propaganda in stile nazionalsocialista, resa ancora più efficace dall'enorme diffusione del mezzo televisivo e dalla sua credibilità basata sulla confusione-identificazione tra medium (lo strumento tecnologico) e messaggio (i contenuti della disinformazione), secondo l’intuizione di Mc Luhan.

Dobbiamo chiederci come le reti televisive possano contribuire in modo così vergognoso al controllo mentale: ebbene, apertis verbis, asseriamo, circoscrivendo il discorso ai canali nazionali, la R.A.I. è una rete satanista, finanziata ed egemonizzata dai Rotschild. D’altronde, i programmatori e curatori del palinsesto oltre ad adottare tutti i sistemi per filtrare, selezionare, interpolare e contraffare le notizie e le fonti, non esitano ad occultare simboli ambigui, come, ad esempio, la farfalla che richiama l'infame e spaventosa Mondex, l'azienda produttrice del microchip sottocutaneo, il cui nome è la crasi di Money dexter, con allusione al marchio dell'Apocalisse.

Infine si ricordi che la R.A.I. è una protesi del sistema: così Pirlangela è un demoniaco banditore di menzogne, un vegetariano che trangugia compiaciuto il sangue degli animali appena sgozzati.

Articolo correlato: F. Lamendola,
"… e la lor cieca vita è tanto bassa che 'nvidïosi son d'ogni altra sorte", 2009


APOCALISSI ALIENE: il libro
TANKER ENEMY TV: i filmati del Comitato Nazionale

Trattato di Lisbona: firma per chiedere il referendum

23 commenti:

  1. Cordialissimo Zret,
    che dire hai detto tutto Tu, non mi rimane che aggiungere la lista dei suoi componenti, non per mano mia ma per Wikipedia, anche se su wiki avrei qualcosina da ridire, inoltre consiglierei di andare su Menphis75.com dove c'è un video del 30 luglio 2009 che verte su quello che hai scritto a proposito della R.A.I. e del suo programma "informativo" Superquark, ( da notare l'ironia dal greco antico εἰρωνεία; eironeía, ovvero: ipocrisia, falsità relativo a: "informativo") per la finta ignoranza Platonesca, (dove l'interlocutore si fa la domanda e si da la risposta per il silenzio della controparte) non direi proprio, qui c'è la volontà mendace.

    Organigramma:

    * membri onorari: Rita Levi Montalcini, Carlo Rubbia, Umberto Eco

    * garanti scientifici: Silvio Garattini, Margherita Hack, Tullio Regge, Giuliano Toraldo di Francia, Aldo Visalberghi, Edoardo Boncinelli, Umberto Veronesi

    * soci emeriti: Cesare Baj, Patrizia Caneparo, Riccardo Luccio (Direttore Responsabile di Scienza & Paranormale), Claudio Marciano, Franco Ramaccini

    * comitato direttivo: Steno Ferluga (presidente), Adalberto Piazzoli (vicepresidente), Massimo Polidoro (segretario nazionale), Marino Franzosi (tesoriere), Lorenzo Montali (relazioni esterne)

    * soci effettivi: Piero Angela, Paola De Gobbi, Sergio Della Sala, Andrea Ferrero, Silvano Fuso, Luigi Garlaschelli, Francesco Grassi, Marco Morocutti

    * in rappresentanza dei gruppi locali: Stefano Bagnasco, Erika Galli.

    wlady

    RispondiElimina
  2. Carissimo Wlady, ho anche avuto il privilegio di conoscere de visu alcuni di questi illustri personaggi, ma siamo come Platone, dalle spalle larghe, e non sono stato avvelenato da questi ectoplasmi mefitici.

    Questa lista di Fichipedia (sì, un'enciclopedia molto discutibile) assomiglia un po' all'elenco dei diavoli di Malebolge.

    Grazie della tua ironia.

    Ciao

    RispondiElimina
  3. Carlo Rubbia ha boicottato le ricerche di due scienziati italiani sulla fusione fredda, Umberto Ego è quel che è, la Montalcini una cariatide tronfia... Che belle credenziali!

    Meglio non continuare.

    RispondiElimina
  4. ho anche avuto il privilegio di conoscere de visu alcuni di questi illustri personaggi

    Hai parlato faccia a faccia con alcune di queste persone?
    Se si, con chi?
    Scusa la curiosità ma piacerebbe molto anche a me.....

    Carlo Rubbia ha boicottato le ricerche di due scienziati italiani sulla fusione fredda

    Come lo sai? Dove lo hai letto?

    Ciao.
    Elle.

    RispondiElimina
  5. Elle, non credo tu sia masochista. Ti assicuro che sono personaggi ahrimanici: meglio stare lontano da codesti esseri.

    Su Rubbia non posso aggiungere altro.

    "Chi cerca troverà, chi troverà resterà turbato, chi resterà turbato regnerà." Così è scritto nel Vangelo detto di Giuda Tommaso, ossia Gemello.

    RispondiElimina
  6. Sono decenni che il grande vecchio delle cose italiche, promuove, programma, impone, una strategia attraverso i mass media di disinformazione, menzogna e persecuzione nei confronti di tutti coloro i quali cercano la verità sull'uomo e sul mondo. È in atto un processo di acculturazione ideologica tale da innestare nella noosfera degli occidentali, feticci forti ad ogni attacco: evoluzionismo, collettivismo, scientismo, psicanalisi. Piero Angela, famigerato mezzo busto televisivo - persona ad hoc per tale genere di operazione - si è dimostrato negli anni il capo manipolo di una legione di agenti dell'oscurità (non è una espressione enfatica), pronti a tutto, senza vergogna. La trasmissione tv "Viaggio nel mondo del paranormale" fu il primo squillo di tromba dell'attacco basso di tali figuri nei confronti di valori, culture alternative, istanze spirituali e psichiche, non in linea col sistema vigente.
    Loro continuano imperterriti, noi di più.
    Lo scontro è annoso e non si fermeranno, ma i tempi son più che maturi per l'affermarsi di una nuova coscienza, libera da confessioni, da dogmi religiosi e scientifici.
    Piero Angela e quella accozzaglia di pseudo scienziati cicapioti, non è altro che uno scomposto colpo di coda dello scorpione morente: pericolosi ma agonizzanti.
    Angelo Ciccarella

    RispondiElimina
  7. In questi giorni fa un caldo impossibile ma stranamente nessuno dai monitor ci rifila la solita bubbola della CO2.
    Evidentemente aspettano una occasione propizia, adeguata.

    Chi farà saltare questa ignobile 'cabal' che con le sue menzogne cerca di mettere nel sacco tutta l'Umanità?
    Per rispondere in maniera adeguata a tale domanda, credo che solo un cataclisma di immani proporzioni potrebbe liberarci da tutta quella gentaglia. Noi non ce la faremmo mai, quelli sono troppo forti, hanno le radici troppo ben piantate e soprattutto hanno a disposizione tutti i mezzi possibili ed immaginabili a partire dalle Magistrature e dalle Polizie varie.

    Per l'operazione 'scie chimiche' possiedono poi dei budget illimitati. Una flottiglia di aerei enorme, sofisticatissimi centri di coordinamento tant'è vero che appena si profilano da qualche parte degli addensamenti nuvolosi, ti vedi arrivare un pò di aerei chimici e così tutto svanisce.

    Se la gente capisse il livello di criminalità di chi detiene le leve del potere si arrabbierebbe moltissimo. Ma vedo che quasi nessuno ce la fa ad arrivarci e pertanto quei mostri si trovano in una gabbia di ferro. Per comprendere i loro piani bisogna essere maliziosi almeno quanto loro se non di più . Ma noi lo siamo anche se per fortuna non siamo dei delinquenti.

    Una volta nelle società tradizionali esisteva la casta guerriera degli kshatrya che si incaricava di combattere i malvagi, vale a dire coloro che infrangevano gli ordinamenti cosmici e combattendo essa ristabiliva l'equilibrio perduto.

    Se risorgesse magicamente ai nostri giorni tale casta, questa sarebbe immediatamente falcidiata dai folli che ci governano.
    L'ho detto: solo un cataclisma li può annientare. Spero di vivere a sufficienza in modo da vedere la loro fine, un pò come quel cinese che aspettava di vedere i cadaveri dei suoi nemici passargli davanti trascinati dalla corrente del fiume.

    RispondiElimina
  8. Solo un cataclisma li può annientare...

    Temo che il cataclisma (che ci sarà), annienterà tutti tranne che gli arconti. Certo... se nel gruppo ci rimettesse le penne qualche servo, non mi dispiacerebbe affatto.

    Senza dubbio questi maledetti possono proseguire indisturbati proprio per via della marcia connivenza di forze del dis-ordine e magistratura. Non dimentichiamo poi che uno dei disinformatori, identificato alcuni mesi orsono, è un consulente di giustizia dei tribunali veneti.

    Che cosa possiamo desiderare di più?

    RispondiElimina
  9. Posso solo sottoscrivere i commenti di Angelo e di Paolo.

    Ci vorrebbe un cataclisma, selettivo, intelligente.

    Attendiamo: speriamo di non aspettare Godot.

    Ciao a tutti e grazie.

    RispondiElimina
  10. Mi pare evidente che la prossima fase dell'infame operazione "scie chimiche" coinciderà con la siccità.

    Come Tantalo...

    RispondiElimina
  11. è irritante come vengono liquidati argomenti degni di discussione da parte di queste insulse trasmissioni. era da tempo che rinunciavo a vedere la superfarsa di piero angela (ed in genere la televisione). qualche nozione scientifica degna di nota mista a congetture fatte per gettare miscredito su qualsiasi altro fenomeno fatto rientrare nel generico "paranormale". la religione sta perdendo terreno come ipnosi di massa per il bravo italiano? ecco che procede la "modernizzazione" dei cervelli attraverso la pseudoscienza. ciao zret, i tuoi post restano sempre un importante riferimento per restare in guardia.

    RispondiElimina
  12. E' vero: ora che le religioni positive stanno tramontando, si afferma il culto della pseudo-scienza, sul cui altare si sacrificano l'intelligenza e l'onestà intellettuale, ma è una forma di pericolosa idolatria.

    Ciao e grazie.

    RispondiElimina
  13. alla fine adesso sono lieto di poter nuovamente lasciare dei commenti sul tuo blog...loro sono univocamente daccordo sul messaggio infame che deve affermarsi e ci riescono...alla fine la chiave di tutto non è nella propaganda che ci offende ma nel modo in cui noi interagiamo con la materia...nel modo in cui tutti noi interagiamo con la materia e questa porzione temporale ci confina dentro un incomprensione massima della realtà che ci circonda.
    Sicuramente intuiamo esservi una verità che diverge dalla collettiva fiducia in questo progresso assolutamente satanico, ma noi non sappiamo più convertire le qualità sottili della materia ed infondere in essa i prestigi spirituali che poterono elevare e giustificare il senso delle Civiltà antiche...lo so che rompe le palle il riferimento continuo al passato...tanto è passato...ma stamattina mi trovavo a passare con la macchina sulla Roma - Fiumicino e tutta la nuovissima zona comerciale appena ultimata è un esempio che rivela appieno che tipo di spirito permea il tempo contemporaneo...come definire questa nuovissima architettura razionalista? casermoni plastici che sembrano basi lunari da cui si promana un diffuso senso di morte...di profonda morte animica...castelli acrilici abitati da una specie di vampiri al neon (che siamo noi)...insomma niente di più distante dall'idea di sanità e tutto ciò si prolifica ad un ritmo che non sappiamo...negli ultimi dieci anni si è consolidata quest'intenzione soffocatrice delle facoltà che rendono l'uomo degno di essere tale...noi non possiamo reagire ma solo accusare il colpo confidando in una prossima, imminente conflagrazione restauratrice...personaggi come Piero Angela, per ciò che emanano come persona aderente ad un idea necrofila di benessere, mi fanno sentire anarchico anche se non lo sono affatto...loro sono i portabandiera di un disordine camuffato nel desiderio di pia comprensione...gesuiti massacratori appunto...ancora non ce la facciamo a tacere ed aspettare e covare i nostri prestigi poetici come brace sepolta dalla cenere e ci affanniamo a caricare su questo supporto fondamentalmente deleterio i nostri pensieri consegnando così tutto nelle mani di Ofiuco...la cosa migliore sarebbe riuscire a scomparire da internet...tacere e aspettare che la follia nera sia dissipata...ma io non ci riesco ancora...saluto tutti voi disagiati

    RispondiElimina
  14. Carissimo Giovanni, hai evidenziato le mortali sembianze delle nostre metropoli come manifestazione di barbarie e di disfacimento.

    Anch'io a volte mi chiedo che senso abbia continuare ad usufruire di questo mezzo, ma omnia munda mundis e comunque forse ogni tanto una freccia colpisce il bersaglio.

    L'attesa è logorante e parossistica: è come aspettare la pioggia, in un mondo desertificato fuori e dentro.

    Ciao e grazie.

    RispondiElimina
  15. Questa è la casta dei 'paraculi' supremi. Essendosi piazzati al posto giusto, si spartiscono ogni cosa: cattedre universitarie, direzione di giornali e riviste, premi prestigiosi anche se quasi sempre non meritati. Mandano avanti le scoperte che veramente importano per l'agenda di cui sono stati resi responsabili, ne affossano altre di solito assai più importanti.

    Si attribuiscono non di rado scoperte che non hanno mai fatto e che hanno piratato ad altri, rimasti per colpa loro nell'ombra o addirittura soppressi fisicamente perchè non svelassero al mondo l'infamia di cui questa gentaglia è l'espressione.

    Si fanno assegnare i premi più prestigiosi e più succulenti. Ottengono cariche politiche al vertice, godono di finanaziamenti pingui o addirittura illimitati. La loro arroganza e la loro falsità non conoscono confini.

    Questa è la casta dei mandarini della Scienza ufficiale, casta destinata alla rovina ma alla quale è stato assegnato, almeno per il momento, il potere di nuocere e di uccidere i propri simili.

    Si certo, faranno una brutta fine ma lo scalzarli dalle loro posizioni non sarà poi tanto agevole.

    RispondiElimina
  16. Ciao a tutti.. Premettendo che condivido i concetti fondamentali dell'articolo, vorrei sottoporre alla vostra attenzione alcune mie perplessità.

    Mi rendo conto che questo blog si rivolge a persone già avvezze a un certo tipo di tematiche, e che non si propone tanto una loro divulgazione di massa quanto essere un libero laboratorio di idee. Detto ciò, mi preoccupa a volte la rassegnata veemenza con la quale vengono espressi dei contenuti che ritengo tuttavia corretti e condivisibili.
    Tu Zret, per esempio, dici prima di aver incontrato faccia a faccia alcune persone note al grande pubblico, ma quando Elle ti chiede ulteriori delucidazioni rispondi negandoti e descrivendo tali persone come degli "ahrimanici" (non so esattamente cosa intendi). Ti arrocchi cioè, almeno per quanto percepisco, nella posizione un po' ad effetto di uno che non può o non vuole parlare di tutto ciò che sa. Legittimo. Ma legittimo a questo punto sarebbe anche pensare che sei un venditore di fumo, non credi?
    Una domanda. Secondo te questi esseri ahrimanici sono completamente coscienti delle menzogne (dal tuo/nostro punto di vista) che stanno propinando alla gente e del grave danno che ne consegue? Oppure ritieni che anch'essi sono in qualche modo schiavi come lo è la massa, ma schiavi di livelli superiore? Schiavi che messi in una certa situazione portano avanti quello che si potrebbe definire "il male" (ovvero una visione delle cose che non fa che ingigantire l'ignoranza nella quale siamo immersi) senza esserne pienamente coscienti? O peggio, pensando di fare del bene all'umanità tacendole delle verità fondamentali, per la malsana idea che la massa debba essere per forza guidata da un'elite che sa e opera nel modo più saggio?
    Lo chiedo perché secondo me quella di "mettere in situazione" le persone, lasciando che tutto si sviluppi poi in maniera naturale, mi sembra ipotesi più verosimile rispetto a quella che ritiene alcuni individui che occupano posizioni di potere essere una specie di posseduti. Certo che poi si deve vedere cosa si intende pèr possessione, perché sono disposto ad ammettere che esistano nell'universo forze in grado di agire in maniera occulta sul cervello indirizzando le scelte individuali verso una direzione piuttosto che un'altra. Ma a questo punto mi chiedo anche di che tipo siano queste forze, umane o altro?, e quanto senziente possa essere nel secondo caso l'entità che dirige tali persone. Non si tratterebbe di un livello di coscienza diverso dal nostro e quindi non giudicabile secondo i nostri parametri di bene/male? [segue…]

    RispondiElimina
  17. …Un altro esempio. Non ricordo più in che articolo descrivevi un servizio televisivo che parlava di non so più quale cimitero di guerra, e facevi notare che l'immagine indugiava in maniera sospetta sulle tombe di soldati ebrei e sui numeri 11. Per esperienza personale, posso dirti che per come funziona il mondo dell'informazione telegiornalistica ho notato in quello che dicevi degli eccessi. Mi spiego. Un servizio del genere non può essere diretto dall'alto più di tanto; esso dipende dall'operatore che effettua le riprese, dal montatore e dal giornalista che lo firma (l'anello più vicino alla sfera superiore), il quale dovrebbe seguire tutto il processo (in realtà esso è spesso assente quando si filmano le "coperture", anche se capita che dia indicazioni su alcune inquadrature). Ciò che tu affermi, a mio parere, è verosimile riguardo i nomi dei soldati ebrei; cioè, è verosimile che il giornalista abbia fatto questa richiesta, sia al cameramen che al montatore, in seguito a una direttiva - più o meno esplicita - arrivata dall'alto. Ma è meno verosimile riguardo i numeri 11, perché vorrebbe dire che o il giornalista è compromesso in modo forte con un qualche potere diciamo occulto, o gli è stata fatta questa richiesta da un superiore che lo è (ma si trattarebbe comunque di un pesce piccolo, al massimo un direttore di testata). Ritengo però queste ipotesi poco realistiche, perché significherebbe coinvolgere nel meccanismo anche l'operatore che ha fatto le riprese e il montatore che ha curato il pezzo; per non parlare del giornalista in questione, nei confronti del quale il gioco dell'ipotetico superiore sarebbe certo troppo scoperto e rischioso.
    Penso più a un caso, se devo essere sincero, riguardo il numero 11, e a ciò che definisco un "essere in situazione" riguardo i nomi ebraici (cioè, senza una richiesta esplicita, il giornalista ha fatto questa scelta proprio perché "in situazione", perché conosce le direttive non scritte e non dette della dirigenza e le serve in maniera automatica, più o meno all'oscuro del loro reale significato.)

    Perdonate se mi sono dilungato così e sono stato poco sintetico. E non crediate che attraverso questo commento voglia gettare discredito sul blog e sulle tue riflessioni Zret, che trovo sempre stimolanti. Sono solo convinto che le mie perplessità su quelli che definisco eccessi di sovra-interpretazione siano condivise anche da altri lettori, e che dovresti confrontartici.

    Ovviamente credo anche io che Piero Angela e le sue trasmissioni siano più un danno per la salute mentale e culturale dei telespettatori. Non potrebbe essere altrimenti per uno dei programmi più seguiti in tv, non si lascerebbe mai un format del genere in mano a menti davvero libere. Restano per me incerti i mezzi attraverso i quali avviene la manipolazione delle coscienze, e la consapevolezza dei cosìdetti pesci piccoli, non tanto il fatto che questa manipolazione esista (esiste eccome!).

    Un saluto amichevole...

    RispondiElimina
  18. Tristano, potrei rispondere dicendo che codesti personaggi sono "schiavi di livello superiore" o anche uomini ilici. Sono stati catturati con il denaro, il successo ed il potere. Come ci si deve sentire nel poter affermare ore rotundo "Io sono membro onorario del CICAP"? Il loro complesso di inferiorità li spinge a trovare nella fama e nel prestigio quel che non trovano in loro stessi, essendo involucri vuoti, destinati o alla distruzione o all'Ade. E' anche possibile che siano "posseduti" da entità esterne, sulla cui natura non mi diffondo, perché mi sono già soffermato in numerosi articoli.

    Circa il numero 11, mi pare che in un commento io mi riferissi ad un servizio sulla tragedia di Livorno: l'operatore indugiava sulla bara n.11. Fu una coincidenza? Non lo so. Vero è che nell'ambito dell'operazione "scie chimiche" la collusione, le complicità, i silenzi, le omertà... sono talmente capillari che rendono molti segreti impenetrabili. Hanno mutuato il sistema mafioso, ma infine qual è la differenza tra lo stato e la mafia?

    Ciao

    RispondiElimina
  19. Sugli "schiavi di livello" superiore sono completamente d'accordo con te. Il fatto è che un'unica cosa cambia a seconda della prospettiva, ma in essenza resta la stessa. Magari da un punto di vista sono solo persone in preda a un complesso di inferiorità e a un'arrogante sete di potere, consapevoli fino a un certo punto del gioco in cui sono immersi. Da un altro (che trascende gli stati di coscienza più bassi) posso essere visti come davvero governati da qualche entità. Non so.. E del resto non voglio chiudermi in una visione del mondo rigida, ma solo cercare di capire le cose dallo stato di coscienza nel quale mi trovo ad agire.

    Per quanto riguarda i servizi tv, come dici tu sono sicuro che per via delle Scie Chimiche hai esperienza di certe cose (collusioni, omertà, ecc) di sicuro più di me. Tuttavia rimango convinto che tali collusioni operino in modi semplici e allo stesso tempo raffinati. Cioè senza che i collusi ne siano consapevoli (non ai livelli bassi, non pienamente a quelli medi). Ho avuto la possibilità di vedere in faccia diversi politici, e la cosa più triste è che per la maggiorparte sono esseri umani piccoli e mediocri, finanche ignoranti di quello da cui sono dominati. E' l'animo umano il vero mistero, e penso che tutto avvenga lì dentro, la lotta tra possibili entità e quant'altro. Che si investighi con la psicanalisi, l'ufologia, la metafisica, non ha importanza. Questi sono solo i diversi occhiali con cui possiamo vedere le cose in questo mondo.

    RispondiElimina
  20. Sì, credo sia come scrivi. Non tutti sono poi al corrente delle trame del sistema: molti uomini politici non conoscono neanche le chemtrails. D'altronde l'ignoranza è forza. La natura umana resta un mistero e non è l'unico.

    Noi siamo enigmi a noi stessi.

    Alla fine, talvolta capiamo, pur senza sapere: è questa intuizione che può sconvolgere, ma ci si abitua a tutto o quasi.

    RispondiElimina
  21. Scusatemi se entro cosi irruente e di primo acchito, ma una cosa va detta.
    Camminavo in campagna, quando passano tre grossi
    aerei a bassa quota in formazione, potevo quasi
    vedere i piloti nella cabina, quando arrivati
    all'altezza o poco prima della mia testa, l'aereo di centro sgancia una grossa nube di una sostanza
    bianca, molto densa per alcuni secondi.
    Tutti sti conduttori e presunti professoroni
    con tutta la gente che per incapacità gli lecca
    il culo stanno difendendo dei bulli che pretendono di avere il diritto di fare il cazzo
    che gli pare sulla testa della gente.

    RispondiElimina
  22. Ma secondo voi le scie cimiche sono connesse alla morìa degli uccelli??? Per me questo evento è la prova definitiva della loro esistenza (se ce ne fosse ancora bisogno) e della loro nocività, visto che è l'UNICA spiegazione.

    RispondiElimina

ATTENZIONE! I commenti sono sottoposti a moderazione prima della loro eventuale pubblicazione.

AddThis

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...