11 dicembre, 2006

Ritratto di famiglia in un inferno

Recentemente il quotidiano della Satan Sede, L’osservatore romano, ha tuonato contro i progetti legislativi volti a legalizzare le coppie di fatto. Non intendo soffermarmi sulla crociata del Nazivaticano a difesa della famiglia, perché il risalto dato dai media a questo tema rientra nella solita guerra psicologica, ossia in una diffusione di notizie false o distorte o insignificanti per distogliere l’attenzione dell’opinione pubblica da problemi reali (i conflitti prossimi venturi, le scie chimiche, la costruzione di basi sotterranee, la crisi del dollaro e dell’economia statunitense, il commercio di armi, i rapimenti di bambini, le carneficine, le nuove malattie…). Non occorre nemmeno ribadire l’infinita ipocrisia di chi afferma di voler difendere i valori familiari: sono persone divorziate dal ménage molto disinvolto, il cui matrimonio è stato annullato dalla “Sacra” rota. Sono satiri con decine di concubine ed alcove.

Bisogna, invece, ricordare una volta per tutte che la famiglia non è il fondamento della società, ma per lo più un’istituzione borghese: dietro la facciata di rispettabilità, quante turpitudini e contraddizioni! Una conoscenza anche superficiale dell’antropologia ci rivela che non fu la famiglia la cellula delle società, ma il clan, se non l’orda, con rapporti ora matrilineari ora patrilineari. Solo con la diffusione dei gruppi neolitici e della divisione del lavoro, cominciò ad affermarsi la famiglia come la intendiamo noi, ma era comunque un gruppo allargato e fluido. Presso i popoli nomadi il patriarca ha più di una compagna, come Abraham.

La famiglia difesa dalla Chiesa è quella hegeliana, autoritaria e monolitica che, in modo non fortuito, rispecchia lo stato “etico”, un altro organismo rigido ed accentratore, che di etico non ha niente. Più o meno nello stesso periodo in cui Hegel scriveva i suoi voluminosi testi, Manzoni concepiva nei Promessi sposi un’orrenda, blasfema trimurti composta dal principe padre, dalla madre e dal principino: questi tre mostri di egotismo trasformano la vita di Gertrude in una camera di tortura. L’ambiente familiare, per lo scrittore milanese, può divenire un teatro della crudeltà, poiché, nel suo ambito, talora, si accendono e conflagrano dissidi, si manifestano interresi biechi, sentimenti di insofferenza ed incomprensioni. È questa la famiglia voluta e santificata dalla Satan sede: una prigione tetra e fredda.

Non è forse, invece, preferibile una situazione più aperta e libera che insegni a superare il geloso egoismo ed il superbo senso di appartenenza ad un lignaggio? Non è un caso se le famiglie che dominano il mondo sono ossessionate dai legami di sangue e praticano ancora oggi, come in un lontano passato, l’endogamia, anche se dissimulata, celebrando unioni tra cugini. È questa la famiglia voluta e santificata dalla Satan sede: uno strumento per una spregiudicata scalata sociale, grazie al più sfacciato nepotismo.

D’altronde creature infernali possono soltanto dipingere un ritratto di famiglia in un infe
rno.

5 commenti:

  1. Secondo me si deve superare pure l'idea di amore, per la verità pseudo-amore, e cioè il fidanzamento,l'innamoramento ecc., dopo l'idea di matrimonio poichè sono solo tutte manifestazioni fisiche che poco hanno a che fare con la "spiritualità".Ciao!

    RispondiElimina
  2. Tuoni,lampi,fulmini e sajette tanto per......
    Agli imbecilli piace il gioco della palla,qualsiasi gioco,a volo,a mano,prigionieraaa...stare dietro a un oggetto che va e torna, da me a te!da B16 a D'alema passando per sbaglio da Fassino!che tristezza!
    la famigliaaa!quant'è bella!sempre decantata e quel che peggio augurata ai propri figli,parenti,amici!
    in reltà è una vendetta trasversale!
    La famiglia è un'idrovora di energie,di ogni tipo,morali,pratiche,affettive,economiche,quando ti ha prosciugato per bene,graziaddio finisce!vai all'ospizio e muori in pace in un altro manicomio!
    Questa è la famiglia che finge di difendere B16,in realtà non gliene frega niente,però continua a mettere lo stesso CD che ormai consunto s'incanta e ripete sempre le stesse parole,peccato che non c'è nessuno che lo faccia volare dalla finestra, dritto sulla piazza affolata di San Pietro a mezzogiorno,di domenica che è il giorno della RIPETZIONE.......
    Per quanto mi sforzi di ignorarlo,proprio non ci riesco,è perfino più insopportabile delle scie chimiche....che almeno sono silenziose e non offendono la mia intelligenza...perchè io so che cosa sono!..altrimenti...
    e come ,per ora siamo impotenti contro le scie,così lo siamo con questo signore e la sua corte diabolica.
    Pazientiamo!!!!!in fondo sono tutti autogol!
    il diavolo si sa è stupido!!!!!!primo o poi SANTA MADRE CHIESA IMPLODERA'nonostante il travisamento circa l'attentato(o autoattentato?)di G.P.II e l'occultamento della parte che riguarda ciò nella terza profezia dei loro complici alieni a Fatima.
    Lasciamo dire le robette da poco...i pacs...gli amici islamici!... è un'ipocrisia da poco,se parlasse di tutto il resto...beh allora sarebbe davvero enorme e insopportabile,dato che è materiale che nasce nella City of Vatican...non ti pare?
    tua devota Angela

    RispondiElimina
  3. Concordo sia con Pedro sia con Angela. Ogni mio commento sarebbe plonastico. Ciao

    RispondiElimina
  4. Angela. Leggerti è un sollucchero. Sei grande!

    RispondiElimina

ATTENZIONE! I commenti sono sottoposti a moderazione prima della loro eventuale pubblicazione.

AddThis

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...