05 luglio, 2008

Regina del sole (Prima parte)

Regina del sole è un romanzo d'avventura scritto da E.J. Michael. L'opera, pubblicata nel 1994 negli Stati Uniti d'America, è basata in parte su esperienze realmente vissute dall'autore. Il libro passerebbe quasi inosservato, nonostante alcuni suoi pregi narrativi, se non contenesse interessanti anticipazioni di circostanze attuali riferibili ai temi della cospirazione.

Di seguito la trama: Jason, il protagonista, umile fattorino in California, dopo un furioso litigio con la moglie, Melissa, si allontana da casa. Trova in una spiaggia, mentre sta cercando, col metal detector, l'anello perso dalla consorte, un medaglione con l'effigie della dea Iside. Mostra l'oggetto ad un banchiere, Ulysses Bundy, che gli offre una grossa cifra per averlo. Jason, però, rifiuta l'allettante offerta. Dopo che alcuni sicari al soldo del banchiere tentano di ucciderlo, l'uomo è costretto a fuggire prima presso alcuni amici che abitano in una villa nel cuore della foresta in California, poi, con l'aiuto ed i consigli di un monaco ortodosso, Arthur, in Messico. Qui, mentre la C.I.A. tenta di seguire le sue tracce per impadronirsi del manufatto, incontra un'enigmatica donna, Sabrina, che lo introduce ai segreti della cultura maya. Dopo varie peripezie, in bilico tra situazioni realistiche e simboliche, Jason si ricongiunge alla famiglia e trova la persona cui consegnare la reliquia, una giovane indigena cui appare la Vergine.

Alcuni aspetti del romanzo meritano una particolare attenzione: l'autore, tramite i vari attanti, rivela che la politica e l'economia mondiale sono dominati da organismi semiocculti, in primis la Trilaterale, controllata a sua volta dai Gesuiti. E' questa un’ importante divulgazione: infatti, di recente, alcuni studiosi hanno indicato nella Compagnia di Gesù il vertice del potere planetario. Non solo, tra le righe dell'opera, si legge che la C.I.A. ed i Gesuiti sono strettamente collegati. Non è un caso se l'antagonista di Jason, il bieco Reynard, appartiene all'ordine fondato da Ignazio de Loyola. Ancora più sbalorditivi e "profetici" sono alcuni brani in cui Sabrina palesa ad uno sconcertato Jason i piani dell'élite globale: si ricordi che il romanzo risale al 1994, ma che fu concepito negli anni antecedenti, quando certi contenuti inerenti al complotto planetario erano allo stato embrionale.

Riporto il passo cruciale:

"Vedi, Jason, solo una minoranza di burocrati è deliberatamente malvagia, ma purtroppo detiene un potere terribile ed in grado di corrompere. Io li definirei i rappresentanti delle tenebre... Le persone hanno bisogno di essere forti per opporsi ai piani segreti di questa diabolica combriccola che agisce all'interno del monopolio internazionale. Questo gruppo si rende conto che, mentre l'attuale sistema crolla sotto il peso dei debiti inesigibili, l'unico modo che ha a disposizione per mantenere il controllo è l'imposizione di certe misure troppo spaventose per essere prese in considerazione.


E' qualcosa di così sinistro da essere quasi di là dalla capacità di crederci: si tratta di ciò che il libro dell'Apocalisse definisce il marchio della bestia.

Credo ti sia ormai reso conto che lo scopo dei magnati della finanza è quello di eliminare l'uso del denaro contante. Naturalmente il passo intermedio può essere l'emissione di una nuova valuta, valida magari a livello mondiale. Ciò sarebbe solo una mossa che ci porterebbe all'uso delle carte di debito, quelle che la gente chiama carte di credito. Le carte di credito comporterebbero l'impiego della tecnologia computerizzata più complessa. Su ognuna di queste carte verrà installato un chip in cui saranno registrate tutte le informazioni relative a ciascun individuo, dalla culla alla bara. Si tratterà di un archivio dettagliato che renderà possibile uno stretto controllo della nostra vita privata per opera del governo. Ma non è tutto: questo è solo l'inizio. Dopo che ogni persona sarà stata coinvolta in questa rete di controllo finanziario ed informativo reso possibile dalle carte, i rappresentanti delle élites potranno sferrare l'attacco finale.

Il passo successivo sarà l'inserimento del chip sotto la pelle di ognuno di noi. Nessuna transazione finanziaria sarà possibile senza l'uso di questo congegno elettronico che con ogni probabilità verrà inserito nel polso, anche se alcuni dei pezzi grossi ora al potere vorrebbero piazzarlo sulla fronte... Tutti coloro che rifiuteranno di partecipare a questo sistema saranno emarginati e giudicati criminali incapaci di esistere all'interno del Sistema".

Quindi le parole di Sabrina diventano ancora più inquietanti: "Insieme con ogni chip sarà iniettato un microrganismo vivente, una sorta di virus che potrà essere attivato da un comando a distanza. Se qualcuno dovesse sopravvivere fino a non essere più di alcuna utilità dal punto di vista economico o se cercasse di scappare, rifugiandosi in qualche angolo sperduto della terra, i manipolatori sociali dovrebbero solo attivare il chip per immettere il virus nel suo flusso sanguigno, uccidendolo all'istante."

“Jason, ricordati che non ho alcuna intenzione di creare odio o paura, ma voglio solo avvisarti. E’ inutile intuire i problemi e limitarsi ad indicarli agli altri, anche se tale intuizione è corretta: il mondo ha bisogno di individui in grado di risolvere i problemi e di costruire qualcosa di nuovo. […] Se un numero sufficiente di persone si impegnerà a favore di un cambiamento positivo, può darsi che chi detiene il potere all’interno del sistema burocratico riceva l’ispirazione e collabori a modificare il sistema. Quello che serve è il ritorno ad una vita più sacra; è necessario un numero sufficiente di persone animate da sentimenti positivi che vivono non solo per sé, ma anche per il resto del mondo.”

TANKER ENEMY TV: i filmati del Comitato Nazionale

Trattato di Lisbona: firma per chiedere il referendum

12 commenti:

  1. a dir poco fantastico, c'è da chiedersi da quali fonti abbia attinto l'autore per descrivere (con 20 anni di anticipo) ciò che sta accadendo adesso

    attendo con ansia la seconda parte

    RispondiElimina
  2. Ciò che deve accadere è stato definito con largo anticipo. Nessuna meraviglia dunque che si parlasse di tali argomenti già all'inizio degli Anni Novanta. Ad es. le tre guerre mondiali sono state decise addirittura nella seconda metà del dell'Ottocento.

    La finta minaccia del terrorismo globale venne escogitata nell'ambito delle logge massoniche nientemeno che nel 1917, secondo quanto ci riferisce il defunto William Cooper nel suo classico 'Behold a Pale Horse' (la pubblicazione di tale libro gli costò la vita).

    E non è nemmeno corretto quanto fatto da Zret - sulla fasariga del fantomatico Avles - e cioè incolpare l'ordine gesuita del caos organizzato che ravvisiamo intorno a noi in questi ultimi decenni.
    Il vero colpevole è il Sionismo apolide e internazionale che furoreggia già dai tempi e anche molto prima della Rivoluzione Francese.

    Esso si trascina dietro tutto il resto - Gesuiti e Cattolicesimo compresi-. Per chi vuol capire il materiale documetario esiste e si trova in giro facilmente.
    Ma per chi non vol capire o ha paura a dire la verità...beh, le cose sono come sono.

    Allacciamoci tutti le cinture di sicurezza!

    RispondiElimina
  3. Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

    RispondiElimina
  4. Grazie mille Zret per condividere con noi la tua vastissima ed erudita cultura letteraria, in primis su tutte.

    Ciao!

    RispondiElimina
  5. Corrado, sulle fonti l'autore non si sofferma. Saranno veranno esperienze personali le sue?

    Paolo, circa il vertice, relata refero, senza, con ciò, assolvere i Sionisti, registi o complici che siano. Il Griso non è meno deprecabile di don Rodrigo. Resta una via di fuga?

    Ciao Acquaemotion, grazie della stima.

    Ciao a tutti.

    RispondiElimina
  6. "Se un numero sufficiente di persone si impegnerà a favore di un cambiamento positivo, può darsi che chi detiene il potere all’interno del sistema burocratico riceva l’ispirazione e collabori a modificare il sistema".

    Ciò mi pare utopico.

    RispondiElimina
  7. "Quello che serve è il ritorno ad una vita più sacra"

    esatto, ma purtoppo molti pensano che l'unica dimensione evolutiva dell'uomo sia la tecnologia e il "progresso" o lo sviluppo economico, PIL, ecc.
    Tecnologie esasperate appiattiranno e omologheranno tutti quanti...se non ci si oppone in tanti.

    RispondiElimina
  8. "Quello che serve è il ritorno ad una vita più sacra".

    Se ascoltassimo...

    Ciao

    RispondiElimina
  9. ma il libro è tradotto in italiano e reperibile in libreria?

    RispondiElimina
  10. ... mi rispondo da solo, sì, si trova persino già in giro come usato

    RispondiElimina
  11. bravo zret(sono sole su CUT)anch'io penso che questo romanzo sia realistico,ho scritto anch'io sui microchip e dei virus sul mio sito( splinder..)bisogna rifletterci ...(loro) Vogliono manipolarci o ci risveglieremo per migliorare NOI (atlantidei) la società ?

    RispondiElimina
  12. Ciao Sole, i microprocessori sono parte di un piano nefando. Penso possano servire anche a far vedere ologrammi. E' uba questione di tempo ormai.

    Ciao

    RispondiElimina

ATTENZIONE! I commenti sono sottoposti a moderazione prima della loro eventuale pubblicazione.

AddThis

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...