27 giugno, 2015

I Men in black di Craig Warwick



Il libro di Craig Warwick, scritto in collaborazione con Caterina Balivo, “Tutti quanti abbiamo un angelo”, biografia del sensitivo nato a Londra, contiene un capitolo, “Men in black”, che è di notevole interesse, in quanto conferma, secondo un’angolazione eccentrica, le principali informazioni a proposito degli enigmatici “Uomini in nero”.

Bisogna qui precisare che quasi certamente l’autore non è a conoscenza della tradizione xenologica circa i Men in black, risalente agli anni ’50 del XX secolo, ma, come la maggior parte delle persone, il suo immaginario è condizionato dalla pessima saga cinematografica con protagonista un patetico Will Smith. Eppure Warwick offre un ritratto somatico e psicologico dei M.I.B. quasi del tutto coincidente con le descrizioni fornite dai testimoni nei primi decenni dell’Ufologia: è un quadro in contrasto con l’edulcorata raffigurazione hollywoodiana.

Warwick riferisce che, recatosi a New York, in occasione del diciottesimo compleanno, cominciò a frequentare una “scuola” per sensitivi, illudendosi di poter migliorare le sue già ragguardevoli capacità. Il giovane si accorse, però, che l’istituto, i cui locali si trovavano in un anonimo edificio della Grande mela, era probabilmente la copertura per sinistre operazioni dei servizi segreti. Perciò, dopo un po’ di tempo, egli si allontanò di soppiatto per rifugiarsi nella sede del consolato britannico.

Lo scrittore riporta la sua insolita esperienza nei seguenti termini: “Ero completamente insoddisfatto di come stava andando il mio soggiorno newyorkese. In più c’erano alcuni comportamenti del personale che mi lasciavano perplesso, per usare un eufemismo. Ogni sera, infatti, arrivavano nelle nostre stanze dei personaggi vestiti completamente di nero: giacca, pantaloni, cravatta, persino gli occhiali da sole, anche se il tramonto era già passato da un pezzo. Ricordavano un po’ i Men in black del film con Will Smith. La differenza era che in quella pellicola era raccontata una storia divertente: qui, invece, c’era poco da ridere [...] Questi personaggi mi inquietavano. La cosa più strana era che, pur concentrandomi al massimo, non riuscivo ad entrare nelle loro menti. Non potevo leggere alcunché di quello che sapevano o pensavano, nonostante in quel campo stessi compiendo molti progressi. Era come se fossero vuoti ed impermeabili”.

I Men in black appartengono al novero delle leggende metropolitane o qualcosa di vero si annida nei resoconti che li riguardano? Esistono anche delle registrazioni video che li immortalano. Il rebus pare lungi dall'essere risolto...

Fonti:

C. Warwick con C. Balivo, Tutti quanti abbiamo un angelo, Milano, 2011, pp. 83-94
R. Malini, U.F.O. il dizionario ufologico, Firenze, 2007, s.v. inerente. L’autore ci ricorda che il primo a scrivere dei M.I.B. (agenti di un potere occulto? Alieni dotati di straordinari poteri telepatici? Androidi?) fu l’ufologo Gray Barker nel 1956 il primo a scrivere di M.I.B., sebbene la prima segnalazione sia del 1947.
N. Redfern, The real Men in black, 2011


Vietata la riproduzione - Tutti i diritti riservati

APOCALISSI ALIENE: il libro

La squola della Gelmini - di Antonio Marcianò - Gemme scolastiche da collezionare

13 commenti:

  1. E se i cosidetti ufo fossero solamente una manifestazione malignia demoniaca extradimensionale? Tanti cominciano a pensarlo...non solo ricordiamo che l'area 51 è nata dopo un immenso rito satanico (il piu grande rito satanico della storia) realizzato da Aleister crowley, jack Parsons, genio della missilistica Nasa, e Ron Hubbard. Il Babalon (o Babylon) working...e il ritratto di Lam? Ricorda perfettamente i grigi,,,di anni dopo!...Sicuramente in quell'Area militare supersegreta qualcosa di nascosto esiste!

    RispondiElimina
  2. ...scusate ho perso una -d- per strada!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ci troviamo di fronte ad un’altra biforcazione, oltre alla dialettica che ho riassunto (e semplificato) nel diagramma Hopkins vs Mack. L’ipotesi extraterrestre si oppone a quella parafisica, mal conciliandosi con essa. Eppure, a ben vedere, i due orizzonti non sono così lontani: è possibile che una civiltà, dopo aver toccato il culmine del “progresso” tecnologico, abbandoni la tecnica per procedere lungo la via dei poteri psichici, del dominio della materia e dello spazio-tempo attraverso il pensiero. Ad esempio, nell’India vedica dèi, semidei ed eroi ora impiegano la tecnologia ora ne sono svincolati. Lo stesso termine “loka”, in sanscrito, designa sia il pianeta fisico sia un mondo sovradimensionale: invero, realtà fisica ed iperfisica coesistono e si compenetrano, anche se, quasi sempre noi percepiamo solo la prima, anzi una sua piccola frazione. Un Venusiano non deve per forza provenire dal pianeta materiale che chiamiamo Venere.

      Pertanto se nella Bibbia ed in altri libri tradizionali alcuni specialisti scorgono “angeli” in carne ed ossa nonché macchine volanti, mentre altri ricercatori vedono immagini sciamaniche e fenomeni eterici, probabilmente hanno ragione entrambe le categorie di studiosi. Si tratta di stabilire dove il testo descrive un referente concreto e dove, invece, un simbolo, pur nella consapevolezza che tale distinzione può essere sfumata.

      Occorre provare a superare la tradizionale separazione tra empirico e meta-empirico. La scienza ortodossa si ostina ad ignorare le cosiddette energie sottili nonché la sfera metafisica: in questo modo si preclude dogmaticamente una visione più ampia ed approfondita. La vera ricerca, però, non può prescindere dall’indagine, sempre critica e prudente, di territori liminali. In molti casi l’osservazione del “fatto concreto” dà l’impulso per un’indagine che, un po’ alla volta, travalica i confini dell’empiria, lasciando intravedere inattesi paesaggi. Chi studia la Biogeoingegneria, dopo averne valutato i risvolti nell’ambito del clima, dell’economia, della geopolitica etc., è indotto da una serie di concatenazioni ad enucleare addentellati che sconfinano dal tangibile. Qui le implicazioni umane lasciano affiorare un substrato non umano,(sub-umano?). Per questo motivo le chemtrails si rivelano non solo come il crimine più efferato di tutta la storia, ma pure come la stretta fenditura oltre la quale si estende un regno dai contorni sfuggenti. La resistenza ad accettare la realtà della Biogeoingegneria, anche per opera di persone intelligenti, dipende in gran parte dalla difficoltà a rinunciare all’antropocentrismo ed all’idea (inganno?) del libero arbitrio: si preferisce flagellare l’umanità ed anche autoflagellarsi piuttosto che pensare ad una mano nascosta. Ancora, le scie tossiche sono una pietra di paragone: se nelle comunicazioni di presunta matrice aliena, soprattutto quelle incentrate sulla necessità di preservare la natura, sono assenti, si deve pensare che i messaggeri non sono affidabili. Purtroppo è quanto accade, come avviene nell’accozzaglia di scempiaggini pseudo-spirituali, riconducibili sovente all’universo della New age.

      Elimina
    2. Eccellente sintesi Zret, complimenti. Ciao

      Elimina
  3. ...comunque qualcosa bolle in pentola,,,satanismo a livelli intrnazionali, immensi riti satanici dal quale poi è nata l'area 51,,,oggetti luminosi che non si capisce cosa sono visto che si fondono, si dividono si uniscono e spariscono...Bisognerebbe chiederlo a chi è al potere e si ritrova ogni anno nel bosco del bohemian grove a fare riti satanici ad un dio...Moloc,,,alto 15 metri. E in quel bosco si è deciso l'utilizzo della bomba atomica. Io personalmente penso che questi oggetti siano entita spirituali extradimensionali,,,ovvero DEMONI! Il portale è stato aperto dal rito satanico Babalon Working in Nevada! Anche Malanga ultimamente ha dato una svolta alle sue ricerce,,,scrivendo un bel libro,,,Alieni o Demoni?

    RispondiElimina
  4. ..la new age è stata fondata dalla strega elena petrovna,,,colei che disse; cancelleremo l'idea di Dio,,,lo cancelleremo dai cieli! Quindi una schifosa,,,dalla quale è nata la Lucifer trust e la scuola arcana con la sua discepola Alice bailey. La Lucifer Trust,,cambia poi nome e diventa Lucis Trust,,,ed entra come ONG nell'onu. La camera di meditazione dell'onu,,,al dio dei molti nomi e delle molteplici forme (che nella bibbia e nella cabala è identificato con satana,,,72 nomi e dalle molte forme),,infatti un' immensa pietra di magnetite si trova proprio nella camera di meditazione Onu, una camera vuota con un serpente stilizzato sulla fondo e delle preghiere sulle pareti al dio dalle molte forme e dai molteplici nomi, gestita dalla Lucis Trust , fondata dalle 2 streghe Elena ed Alice! Questi sono coloro che ci governano!...Folle ma reale!

    RispondiElimina
  5. Le chemtrails sono davvero il crimine piu efferato della storia dell'umanita,,,anche perche indotto sin dalla tenera eta,,a sudiare educazione civica nelle scuole, ad avere fiducia nei governi e nelle istituzioni. Pratiche che hanno fatto il lavaggio del cervello ai molti,,,che non vedono quello che hanno davanti agli occhi! Un crimine immenso che non ha pieta' di alcuno, neppure dei neonati! Una cosa mostruosa a questi livelli indica che siamo in piena apocalisse! Uno sterminio vigliacco sulla popolazione, nascosto e celato da tutti gli organi competenti, una combutta assurda che si avvicina al Demoniaco! Com'è possibile organizzare una macchina d'inganno un ingranaggio malefico a questi livelli? E' una cosa che hanno pianificato da tempo, si sono resi conto che stordendo la popolazione e falsificando le immagini e l'informazione (gia Platone aveva spiegato nel mito della caverna questa tecnica) avremmo avuto solo l'inderesse del non interessarsi! Negare, Mentire,,,,,in un passo del vangelo vi è riportato; negli ultimi tempi in molti vi inganneranno! Vi faccio un esempio: noi percepiano le chemtrails come sono in realta, armi disumane ed un crimine assoluto! Altri percepiscono gli aerei che (al posto della nostra visione storico documentale) rilasciano zucchero filato, panna e fragola con un pizzico di limone! Vedono il pericolo e vanno lo stesso a puppare la panna e la fragola con limone ed un po di pistacchio che scende dagli aerei "amici"
    Pensavo che l'uomo fosse piu intelligente delle bestie,,,ma sbagliavo sono le bestie molto piu intelligenti dell'uomo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Viviamo in tempi di menzogna e di violenza, Prank.

      Non liquiderei l'ufologia "viti e bottoni", poiché è evidente che in molti casi gli U.F.O. sono oggetti tecnologici, di una tecnologia avanzatissima, né confonderei gli alieni con i demoni, sebbene molto spesso i primi rivelino intenzioni malvagie. Vero è che, se anche se prescindiamo da differenze terminologiche ed ontologiche, siamo al cospetto della più plateale, sfacciata, gigantesca, mortale truffa ai danni di un'umanità stordita ed ebete.

      Ciao

      Elimina
  6. Vi è un bel libro Zret,...a te che sei storico come me,,,molto carico di simbologia! Costa parecchio ha circa 1000 pagine,,,immenso. Da Leggere per chi è interessato all'argomento simbologia e massoneria satanica!

    http://www.macrolibrarsi.it/libri/__massoneria-e-sette-segrete.php

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Purtroppo Epiphanius, nel suo pur pregevole tomo, dimentica il ruolo nefasto della gerarchia cattolica, ruolo che è centrale nel mondialismo e nel satanismo, come dimostreremo in un articolo che pubblicheremo presto su TE.

      Ciao

      Elimina
  7. ...Vero zret quella parte non è trattata o trattata poco,,,,il tomo comunque è notevole! Sai dirmi dove posso trattare quella parte della gerarchia cattolica,,,legata al satanismo?

    RispondiElimina
  8. ...aspetto, quindi, con ansia Zret l'articolo che pubblicherai su T.E sul ruolo della gerarchia cattolica legata al satanismo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti indicherò la bibliografia appena possibile. Non è facile reperire dei testi in italiano, essendo un argomento tabù.

      Ciao

      Elimina

ATTENZIONE! I commenti sono sottoposti a moderazione prima della loro eventuale pubblicazione.

AddThis

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...