30 giugno, 2015

Sociosatanismo



Scrive Giuseppe Prezzolini: “Che peccato che un Gramsci si sia trovato nella condizione di sacrificare la sua intelligenza e la sua vita alla creazione della società più triste, più oppressiva, più noiosa, più funerea del mondo, la civiltà comunista”.

Prezzolini, come molti altri, confonde il Socialismo con il Comunismo: è il primo ad essere totalitario, in quanto dittatura del proletariato, mentre il Comunismo, nelle concezioni di molti filosofi, è, almeno sotto il profilo teorico, società libertaria, senza classi e quindi senza Stato. Sbagliano, a nostro avviso, coloro che paventano l’instaurazione del Comunismo negli Stati Uniti d’America, fautore il pessimo Barack Obama (Barry Soetoro): il progetto della feccia mondialista è diverso, poiché coincide, invece, con la creazione di compagini di tipo statalista.

Se il motto del Comunismo è “ad ognuno secondo le sue esigenze, da ognuno secondo le sue capacità”, se l’ideologia comunista prospetta un consorzio in cui ogni uomo può scegliere il lavoro a lui più congeniale, con la possibilità di cambiarlo quando più gli aggrada, si può immaginare un mondo più diverso da quello che hanno creato i nostri diabolici governi?

Non è un caso se Obama ed altri statalisti hanno scelto come simbolo atto a rappresentare le loro aberranti idee, il sole nascente, che è emblema del Socialismo.

Vero è che il Comunismo volto a valorizzare la libertà, l’eguaglianza, il talento, la creatività, il rigetto dello Stato, non è esente da contraddizioni, prima fra tutte l’abolizione della proprietà privata, sostituita da quella collettiva, con cui lo Stato, espulso dalla porta, rischia di rientrare dalla finestra. Nondimeno ogni ideologia politica è incrinata da incongruenze e tende a configurare un’utopia, pericolosa come tutte le utopie.

E’ un’utopia il pensiero politico di Platone che prescrive per la classe dei reggitori la rinuncia non solo al possesso di qualsiasi bene, ma pure ad una famiglia per evitare il nepotismo. Nonostante ciò, non è forse un’idea suggestiva?

Si rivelò una chimera anche il Comunismo vagheggiato dal Cristianesimo delle origini, ma era fondato, mutatis mutandis, sui medesimi princìpi ai quali si ispirano i vari teorici contemporanei dell’organizzazione comunista, dai filosofi del XVIII secolo fino alla coppia Marx-Engels ed oltre.

Gli Atti degli Apostoli descrivono il funzionamento della prima comunità cristiana, mettendo in risalto l'aspetto della comunione dei beni:

44 Tutti coloro che erano diventati credenti stavano insieme e tenevano ogni cosa in comune; 45 Chi aveva proprietà e sostanze le vendeva e ne faceva parte a tutti, secondo il bisogno di ciascuno. 46 Ogni giorno tutti insieme frequentavano il tempio e spezzavano il pane a casa, prendendo i pasti con letizia e semplicità di cuore, 47 lodando Dio e godendo la simpatia di tutto il popolo. 48 Intanto il Signore ogni giorno aggiungeva alla comunità quelli che erano salvati”. (Atti degli apostoli 2,44-48) [1]

E’ naturale che la realizzazione storica è stata ed è molto diversa: il Leninismo, lo Stalinismo, il Maoismo etc. nel momento in cui si concretano come sistemi coercitivi, quali strutture di dominio culminanti in un capitalismo di Stato, sono il più plateale, definitivo, clamoroso tradimento degli ideali comunisti, un po’ come il Cattolicesimo è l’abiura del Cristianesimo primigenio.

Spesso si tacciano i vari pagliacci del Partito “democratico” di essere “comunisti”. In primis, bollarli come “comunisti” significa accreditarli come persone in grado di concepire un pensiero purchessia, il che è impossibile. In secondo luogo la loro perversa politica li dichiara statalisti, propugnatori di un intervento invadente e capillare del potere nella vita di cittadini, ridotti non a sudditi, ma a cose. Semmai una coloritura comunista manifesta il partito ellenico Syriza, almeno nei discorsi dei suoi principali esponenti: per quanto riguarda i veri obiettivi non possiamo, al momento, pronunciarci.

E’ proprio in questo divario tra ideale e reale, tra valori e prassi, che il Comunismo, come altre ideologie, ad esempio il Liberalismo, rivela la sua natura illusoria, laddove il totalitarismo planetario, noto come Nuovo ordine mondiale, radicato in disvalori e nella più abominevole perversità, è oggi situazione tangibile, effettiva.

Purtroppo, mentre i più nobili princìpi, a contatto con la verità effettuale, presto degenerano nel loro contrario, i vizi più turpi che sono l’anima nera di quasi tutti gli esecutivi attuali, trovano ipocrita e mortale compimento nella realtà socio-politica in cui siamo invischiati.

[1] Meriterebbero di essere approfondite le somiglianze tra le forme comunitarie delle primitive chiese cristiane e molti movimenti comunisti contemporanei.

Vietata la riproduzione - Tutti i diritti riservati

APOCALISSI ALIENE: il libro

La squola della Gelmini - di Antonio Marcianò - Gemme scolastiche da collezionare

8 commenti:

  1. Le etichette sono tutte pericolose. Distinguere tra socialismo o comunismo per denominare una forma/Stato è quindi inutile. In Italia il fascio/catto/comunismo ha regnato per decenni e continua a farlo, imponendo i suoi voleri ed ignorando da sempre i veri principi democratici. Il vero abominio è lasciare a quattro sgherri manipolati dai poteri stregoneschi occulti di imporre le loro volontà, condizionando la vita altrui! Sono i sistemi, tutti i sistemi, a destare preoccupazione, indipendentemente da come vogliamo definirli. Ciao

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai ragione, Ghigo. Le definizioni ed i termini valgono quel che valgono: è lo Stato ad essere una costruzione mostruosa, soprattutto lo Stato attuale che è perfetta incarnazione del Male, un Male orrendamente imbellettato.

      Ciao

      Elimina
    2. Un male, tra l'altro, spacciato per inevitabile ed ineludibile, quasi 'normale'. Ciao

      Elimina
  2. Zret...l'articolo è secondo me perfetto! E Aggiungo...quando leggo quel passo degli atti degli apostoli, mi sento bene, felice e rilassato....tutto quello che è accaduto dopo ha cancellato cio che doveva essere di buono al mondo! Se avessero rispettato quel passo invece di mentire, negare fare encicliche per sviare dalla verita,,,non ci sarebbe stato bisogno di nessun etichetta,,,ma solo puro e semplice amabile altruismo ed amore per la vita e l'ambiente! Ma tutto questo, purtroppo, è MORTO!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie dell'apprezzamento, Prank. Sempre negli Atti è narrato l'episodio di un tale che è fulminato da Dio, poiché, dopo aver venduto un suo podere, non elargisce tutto il denaro alla comunità. Sono sincero: il comunismo estremistico degli Atti non mi piace, anche se l'opulenza dell'attuale gerarchia cattolica e non solo cattolica è scandalosa.

      Ciao

      Elimina
    2. L'episodio che li riguarda è narrato negli Atti degli Apostoli 5,1-11: essi erano due anziani, marito e moglie, che, per mettersi in mostra davanti alla primitiva comunità cristiana, decisero di vendere un campo che possedevano e di offrire una parte del ricavato agli Apostoli, dicendo però che si trattava dell'intera somma.

      Anania andò dunque a deporre il denaro ai piedi degli apostoli, ma Pietro, soprannaturalmente a conoscenza dell'inganno, lo rimproverò duramente, e Anania subito cadde morto. Mentre lo portavano a seppellire, arrivò Saffira, ignara dell'accaduto: Pietro la interrogò ed ella confermò quanto aveva affermato il marito, e subito cadde morta anche lei.

      Nella primitiva comunità cristiana vigeva un regime di proprietà collettiva, nel quale era sentito l'obbligo di offrire i propri beni agli apostoli, perché li distribuissero a tutti (vedi Atti 2,44-48).

      Pare che nel testo originale Anania fu ucciso da Paolo... Poi lo festeggiamo come santo il 29 giugno, assieme al suo rivale, Pietro.

      Ciao

      Elimina
    3. Salve a te Zret e Prank,
      conosco il punto, ora per quanto concerne il discorso sul revisionismo dell'idea comunitariana, è certo che personaggi del calibro di Lenin Stalin e proseliti hanno certamente dato una svolta militar-autoritaria contraria all'idea iniziale di condivisione , un po quanto fatto da Anania che mentendo s'è reso reo contro la comunità che liberamente aveva scelto e per cui non avrebbe dovuto nascondere alcunchè , poiché se voleva poteva continuare ad essere ricco rimanendo dall'altra parte del mondo impuro... nessuno lo obbligava , ma la slealtà è alla base di ogni illegalità, tant'è che il Cristo ebbe a dire chi è fedele nel piccolo lo è anche nel molto... ecco perché è morto Anania e consorte

      con simpatia
      l'articolo caro Zret mi piace .

      Elimina
    4. Sì, Lenin fu un traditore del Comunismo, come denunciato da Rosa Luxembourg e Karl Liebnecht.

      Ciao

      Ciao

      Elimina

ATTENZIONE! I commenti sono sottoposti a moderazione prima della loro eventuale pubblicazione.

AddThis

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...