21 ottobre, 2015

Il timone



A volte si insinua nella vita il soprannaturale? Non è proprio così, visto che già la natura va oltre sé stessa, ponendosi come enigma inesplicabile. Tuttavia è vero che talora nella straordinaria ordinarietà dell’esistenza irrompe l’inatteso, il messaggio in codice che non sappiamo interpretare. Chi lo invia e perché, se quasi sempre è il classico plico nella bottiglia abbandonata alla corrente di un destino cieco e bieco?

E’ come se il timone per un istante fosse retto da qualcun altro.

Purtroppo, per paura di essere derisi, molti non rendono partecipi gli altri delle loro esperienze liminali, defraudandoci di preziose conoscenze: custodiscono nello scrigno della propria memoria i rarissimi episodi che, trascendendo la normalità, paiono aprire una breccia nel muro granitico dell’ignoto, una prospettiva su una dimensione ulteriore, persino offrire una speranza in un senso…

Speranze? Su cento speranze, novantanove sono inganni e spesso, dopo aver setacciato tutto, nel crivello resta un’illusione, mentre la microscopica pagliuzza d’oro scivola via nel fiume rapinoso del tempo.

Così in bilico tra allucinazione e realtà, tra veglia ed ipnosi, si sfoglia il calendario dei giorni e delle notti.

Intanto, contro ogni logica, cerchiamo segni, ma le mani sono ferite dai cocci di troppi sogni infranti.

Video correlato: Presenze

Vietata la riproduzione - Tutti i diritti riservati

APOCALISSI ALIENE: il libro

La squola della Gelmini - di Antonio Marcianò - Gemme scolastiche da collezionare

9 commenti:

  1. La vita è uno scrigno di infinite possibilità. Sempre più convinta come Amleto in Shakespeare "La vita è sogno" e come in un sogno, magia ed illusione danzano. Moltitudine di prospettive, chi guida il timone? Dentro di noi vi è il tempio. Così disse persino il Cristo. Stiamo proiettando noi stessi o siamo noi stessi a proiettare i giochi della vita?

    Domande. Mentre il tempo scorre, i giorni e le notti nutrono granelli di dubbi.

    Un caro abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La vita è sogno, come scrivono Shakespeare e Calderon de la Barca, o un incubo? Credo che sia una Coscienza incosciente ed in trance a proiettare sogni ed incubi. Siamo vittime dell'innocenza.

      Ciao

      Elimina
    2. La cosiddetta normalità è abnorme. Solo i disadattati possono essere in sintonia con la verità, una verità spesso dolorosa.

      Ciao

      Elimina
  2. Sembra che l'essenza divina sia forzata a manifestarsi nella carne,se non ci si libera dell'illusione del tempo. Siamo lo spirito che è racchiuso su se stesso, un fantasma di polvere e ombre strettamente legate al nostro io che per qualche tempo l'essenza divina è destinata a manifestarsi nella carne.

    Uno spunto rivisto interpretato e corretto di: Thomas Carlyle

    Ciao

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' una caduta nello spazio-tempo con conseguenze catastrofiche... ahinoi.

      Ciao

      Elimina
  3. L'umanità è prigioniera della sua stessa illusione. Dimentica di sé stessa avverte costantemente la spinta alla ricerca e così, affannandosi, crea ogni tipo di vizio e di guro e di maestro, dottrine salvifiche e miracolose.

    Si cerca sempre all'esterno di sé stessi, si aspetta sempre che qualcuno venga a salvarci, a rivelarci finalmente la verità e tutti bevono le sue parole come un assetato beve acqua, diventando sempre più dipendente dall'esterno, dall'altro, dal separato... che però non esiste...

    La verità, tanto semplice, è che nessuno ci salverà, a parte noi stessi, perché nessuno esiste.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La condizione umana è propriamente inumana.

      Ciao

      Elimina

ATTENZIONE! I commenti sono sottoposti a moderazione prima della loro eventuale pubblicazione.

AddThis

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...