12 dicembre, 2015

Vittoria



Qualche settimana addietro considerai con un amico l’inaccettabile preponderanza del male in questa dimensione. E’ palese che il male domina incontrastato in ogni campo, dalla “politica” all’economia, dalla società alla “scienza”, dall’”educazione” alla “medicina” e via discorrendo. E’ vero che su mille persone se ne trova una onesta ed intelligente, ma è una percentuale irrisoria, non bastevole a soddisfare la fame e sete di giustizia dei pochi uomini integerrimi: è una quota inadatta a lasciar presagire una palingenesi.

Sarà anche vero, come scrive Eben Alexander, nel bel libro “Milioni di farfalle”, che il male dell’esistenza terrena, se confrontato con le infinite, luminose meraviglie della realtà trascendente, è solo una piccola macchia, ma ci chiediamo perché il bene sia sempre collocato in un futuro lontanissimo o in una sfera metafisica. Possibile che gli esseri precipitati sul pianeta Terra debbano ognora attendere una svolta destinata a non manifestarsi mai? E’ tollerabile che ci si debba proiettare in un altrove che conosciamo poco o punto? Intanto si deve lottare con le unghie e con i denti per preservare un momento di autenticità, per custodire la propria libertà.

E’ comprensibile che molti, disgustati dalla corruzione e dall’iniquità, esigano un cambiamento qui ed ora. Ecco perché, essi, nonostante siano consapevoli che ad essere marcia non è solo la Danimarca, cercano un appiglio purchessia: ora è un movimento politico ora una chiesa ora un nuovo orientamento esistenziale. Immancabili, feroci sono le disillusioni.

Si può scovare qualche politico animato da nobili ideali, ma ha lo stesso coraggio di don Abbondio.

Che pensare poi delle varie chiese? Il Cristianesimo, nelle sue numerose ramificazioni, esercita ancora la sua attrattiva, poiché prospetta, attraverso l’idea dell’Uomo-Dio, una natura umana riconciliata con il divino. [1] Tuttavia, anche ammessa e non concessa la buona fede del clero, qual è la forma di Cristianesimo giusta fra tutte quelle esistenti? Si ha l’impressione che credere sia un placebo, un modo per placare l’ansia, per ricucire il doloroso strappo dell’anima che avvertiamo in quanto esseri senzienti. Il pifferaio Francesco attira a sé molti ingenui, ma la Chiesa cattolica tradizionalista, pur denunciando la degenerazione della dottrina, è essa stessa il risultato di una sofisticazione che risale al IV sec. d.C., ai tempi di Costantino e Teodosio. Todos caballeros.

Qualcuno vede in un leader mondiale il salvatore del genere umano… Brucerà molto il disinganno. Rinunciare alla fede in un mondo in cui poteri buoni conmbattono contro poteri cattivi è doloroso, ma, nel migliore dei casi, ad un male maggiore si oppone un male minore.

“Non praevalebunt”, si suole ripetere, ossia “Le forze del male non prevarranno”. Appunto, in futuro il male non trionferà, ma per ora stravince e prende tutto, come il banco al tavolo da gioco. The winner takes it all…

E’ incredibile l’accelerazione che le legioni delle tenebre hanno impresso a questi tempi scivolosi: si è ogni istante colpiti da fitte gragnole di menzogne e di angherie. Non appena crediamo di poter alzare il capo, ecco che un’altra grandinata di bugie e di vessazioni ci costringe a rannicchiarci. Si vive ormai sulla difensiva, si arretra ogni giorno un po’, gli avamposti sono conquistati uno dopo l’altro.

Resta oggi solo la roccaforte della propria coscienza: il baluardo inespugnabile che, circondato dalle armate ahrimaniche, troneggia a testimoniare la Vittoria, quella vera, quella definitiva.

[1] Precisiamo che non tutte le confessioni cristiane (paoline?) vedono in Gesù l’Uomo-Dio, ma non vogliamo qui affrontare un discorso teologico su cui ci siamo diffusi in altri articoli.

Vietata la riproduzione - Tutti i diritti riservati

APOCALISSI ALIENE: il libro

La squola della Gelmini - di Antonio Marcianò - Gemme scolastiche da collezionare

8 commenti:

  1. Israel Regardie affermava: 'La gente si affida ancora alle misericordia di un Dio occulto e del suo figlio morto ...'. Forse questo giudizio sul cristianesimo è un po' troppo 'tranciante', è pur vero però che la sua accezione romana è muta ed ormai perduta nelle involuzioni dei suoi rituali, per giunta sconfessati ad ogni cambio di papa.
    Stiamo assistendo al colpo di coda del Male che pensa di avere tutto sotto controllo e sferra quindi l'attacco decisivo? Può darsi. Le anomalie allora devono essere individuate ed annichilite. Temo però che siano troppe anche per costoro. Alla fine dei tempi si deciderà tutto su di una bilancia a due piatti ed il peso della Verità credo sia insuperabile. Lo scempio però, hai ragione tu, continua. Ciao

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, la religione cattolica, già nata appena animata da un flebile soffio, è oggi solo un baraccone.

      I colpi di coda sono e saranno tremendi.

      Ciao

      Elimina
  2. Il problema è che abbiamo continuato ad "attendere una svolta destinata a non manifestarsi mai".

    Abbiamo continuato ad attendere un Salvatore che ci sollevasse dalla responsabilità di ciò che dobbiamo fare noi stessi, e quanti Salvatori ci hanno fornito, alcuni più piccoli, il nuovo fenomeno dagli USA, il nuovo guru dall'India, diciamo che erano dei salvatori (in minuscolo), degli antipasti in attesa del Salvatore, la portata principale, che sta arrivando, è in procinto di arrivare, è proprio qui dietro l'angolo ma non arriva mai; non arriva mai perché è già qui, perché ognuno è il Salvatore di sé stesso, ma meglio non divulgare troppo questa notizia, mica che le pecore pensino di avere un qualche potere, di poter addirittura decidere di salvarsi o di dannarsi, senza intermediari con il bugiardino che spieghino ad ognuno il modo giusto per rapportarsi con il proprio spirito.

    Singolarmente ognuno potrebbe salvarsi se il baluardo della coscienza, come giustamente dici, non cede alle orde di Ahriman... alla fine lì sarà la Vittoria, anche perché tutto il resto è un'illusione.

    Buona Domenica

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il gnoti sauton ha, infatti, un significato che spesso è stato frainteso.

      A volte siamo noi a salvarci, più spesso siamo noi a sabotarci.

      Ciao

      Elimina
  3. Comunque se avessimo l'attenzione di leggere Apocalisse di Giovanni, capiremo quanto siamo vicini alla fine di sto schifoso mondo infame..tutto era previsto e tutto si sta avverando; in ogni infame malvagio dettaglio! La punizione sara' immensa per questi malvagi! Il Figlio ell'Uomo e' alle PORTE!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. L'attesa intanto ci logora.

      Ciao

      Elimina
    2. Purtroppo e' vero Zret; l'attesa e' devastante! Ma prima deve sorgere ad impero la grande babilonia,,,il Nuovo Disordine Mondiale! Poi sara' la FINE di ste bestie immonde!

      Elimina
    3. Speriamo di poter attraversare le fiamme senza essere inceneriti.

      Ciao

      Elimina

ATTENZIONE! I commenti sono sottoposti a moderazione prima della loro eventuale pubblicazione.

AddThis

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...