11 gennaio, 2016

Idealizzazione



La vita assomiglia più ad una lotta che ad una danza. (Marco Aurelio)

Poiché il presente è abominevole, sovente vagheggiamo nostalgici il passato. In tale vagheggiamento, però, non alberga una forma di idealizzazione? Certe età, come il Rinascimento o alcuni secoli dell’età antica, ci appaiono avvolti in un’aura incantata. Se tuttavia, questa atmosfera si dissolve come bruma diradata dal sole del mattino, resta la nuda realtà. Sebbene sia difficile immaginare un tempo più arido e feroce del nostro, anche le età trascorse erano dilaniate dalla violenza del potere.

Pensiamo alla Roma repubblicana ed imperiale, alle guerre di conquista, ai massacri, alle condizioni inumane in cui “vivevano” gli schiavi ed i ceti non abbienti. Pensiamo a Cesare in cui quasi tutti vedono lo scrittore dallo stile scelto ed efficace nonché l’abile politico, dimenticando che fu un implacabile sterminatore di Celti. La stessa città di Roma, in origine Saturnia, villaggio fondato dai Liguri-Siculi nella regione dei sette colli, fu uno fra i centri delle sinistre stirpi che ancora oggi dominano, straziano e depredano gran parte del pianeta.

Certo, una volta, quantunque la società fosse attraversata da contraddizioni, esistevano gli Uomini: persino tra le classi dirigenti si distingueva in qualche rara occasione uno statista vero che era anche intellettuale: vengono in mente Marco Aurelio e Giuliano. In che cosa consisteva la differenza rispetto ai (pre)potenti di oggi? Risiedeva nella cultura: la cultura, che è etica, è il principale antidoto contro l’orgia dell’onnipotenza.

Esistevano gli Uomini, ossia ancora splendeva l’Anima. Osserva con desolata, amara intelligenza Guido Ceronetti: "Per adattarsi al mondo com’è ora, la condizione è di perdere umanità nella misura ed alla velocità che questo mondo impone: per ogni tratto di umanità perduta c’è un acquisto sicuro di adattabilità. E l’uomo non ha mai fatto altro che adattarsi… ma per sopportare il mondo, le città e le guerre che si preparano bisognerà perdere interamente ogni connotazione umana: i luoghi teneri dell’anima saranno pietrificati, si nascerà amputati". E’ così: oggi si nasce mutilati, adattati ad un’esistenza acrilica in cui solo i pochissimi disadattati potranno innaffiare con qualche goccia di luce la delicata piantina dell’Anima.

Questa fatica dell’essere è tutt’uno con la Coscienza: dobbiamo mantenere viva la fiammella della Vita, senza cedere all’algido raziocinio, ma pure evitando di indulgere all’idealizzazione, anticamera dell’inganno. Bisogna imparare a mantenersi in equilibrio sull’abisso: proiettarsi nel passato per tentare di rinfocolare pristini valori può significare stringere vani fantasmi.

Bisogna stare attenti a non mitizzare la Storia: ad esempio, la Storia ci restituisce, ci piaccia o no, due Messia, entrambi radicati nell’Ebraismo. Nel momento in cui evochiamo il Cristo, dobbiamo essere consapevoli che è un simbolo (i simboli sono potenti, ma elusivi: sono un'arma a doppio taglio). Credo che il Cristo si debba intendere in modo allegorico: è l'emblema di un cosmo che, per una ragione imperscrutabile, si crocifigge nella caduta e nella materia per annunciare la redenzione alla fine dei tempi, quando non esisteranno più il tempo né lo spazio.

Invero, il Cristianesimo abita nel cuore dell’inconciliabilità: se lo accettiamo, dobbiamo accettare pure l’Antico testamento con le sue intollerabili venature arcontiche; se lo rifiutiamo, dobbiamo staccarlo dalla matrice sumero-egizio-ebraico-arcontica, ma, così agendo, lo trasformiamo in un mythos, nel simbolo di cui si diceva con tutte le conseguenze del caso, tra cui forse la rinuncia ad attendere una salvezza esterna destinata a non arrivare mai.

E’ evidente che la sfida è immane: camminare sul filo delle antinomie, contemperare lògos ed incanto, indagine ed ispirazione, soma e sema. Se guardiamo in giro, vedremo oceani di sangue e deserti di scelleratezza che attorniano oasi di bellezza e verità. Non basta rifugiarsi nelle oasi a godersi l’ombra rinfrescante dei palmizi: bisogna tentare di render conto di quanto si trova tutto intorno, avventurarsi nelle terre del male, di ieri, di oggi, di domani.


Vietata la riproduzione - Tutti i diritti riservati

APOCALISSI ALIENE: il libro

La squola della Gelmini - di Antonio Marcianò - Gemme scolastiche da collezionare

6 commenti:

  1. Curioso che la 'pietrificazione dell'anima', a cui accenna Ceronetti, descriva esattamente l'effetto dell'aspartame sulla ghiandola pineale ...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, anche vari ingredienti delle scie chimiche rendono litica la pineale, stando al Professor Malanga.

      Ciao

      Elimina
  2. ... sul cristianesimo invece, glisserei. Un contesto troppo inquinato ed abusato, violentato direi, sin dal principio. Impossibile districarsi da quel potentissimo 'punto focale' più o meno impostoci da millenni. Ciao

    RispondiElimina
  3. Io penso che la figura del Cristo mi da speranza in questo mondo, tutto l amalgama new age mi mette invece la depressione!Specifico comunque: non parlo e assolutamente mi allontano da quell impostura menzognera del bigottismo clericale, di quei sepolcracci imbiancati...ma parlo di quel Dio in spirito e verità che è il contrario di questo mondo marcio fatto di menzogne; quel Dio immenso che mi da forza e speranza!

    RispondiElimina
  4. Io penso che la figura del Cristo mi da speranza in questo mondo, tutto l amalgama new age mi mette invece la depressione!Specifico comunque: non parlo e assolutamente mi allontano da quell impostura menzognera del bigottismo clericale, di quei sepolcracci imbiancati...ma parlo di quel Dio in spirito e verità che è il contrario di questo mondo marcio fatto di menzogne; quel Dio immenso che mi da forza e speranza!

    RispondiElimina
  5. Ciao Zret,

    Come stai? Il tuo post mi ha sollecitato dentro.
    Quando penso al passato, idealizzandolo, non vado troppo indietro; penso agli anni 70' e mi pare che proprio in quel punto la vita di varie persone poteva godere di una consapevolezza e di una natura più etica. Ma se si osserva a fondo della questione, in nessun anno, in nessun secolo si è mai giunti all'elevazione degli uomini di cultura, di etica, di umanità.
    Siamo stati rasi al suolo per il troppo rumore, come sempre. E solo qualche nostra parola è giunta fino a noi, come lucciole in una notte senza Luna.
    La storia è ciclica, non rinnovativa.
    E a me pare che lo sia quanto le nostre vite, ripetiamo gli errori dei nostri genitori, dei nostri avi.
    Stiamo vivendo in un Truman show, in una Matrix, in un una matrice.
    Chi ha il coraggio di uscirne?
    Possono bastare uomini soli, una cerchia di coscienti, a cambiare la storia?

    E Gesù? Seriamente è bastata la morte di Cristo per redimerci tutti? E da cosa poi, se siamo cani che si mordono la coda e una mano invisibile manipola il nostro sonno.

    Un abbraccio :)

    RispondiElimina

ATTENZIONE! I commenti sono sottoposti a moderazione prima della loro eventuale pubblicazione.

AddThis

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...